Istituto Tecnico Agrario "Emilio Sereni" di Roma

Disabilità e buona scuola: tra di noi non può funzionare

Con l’entrata in vigore della Legge 107 (Buona Scuola) il MIUR definisce i lineamenti per la realizzazione dei percorsi formativi previsti.

In questa guida operativa viene prestata particolare attenzione all’attività di alternanza scuola-lavoro.

Questa realtà diviene costitutiva con lo stanziamento di 100 milioni l’anno, viene inoltre stabilita una “Carta dei diritti e dei doveri dello studente in alternanza scuola-lavoro”. Il provvedimento prevede il raggiungimento di almeno 400 ore di alternanza per gli istituti tecnici o professionali e 200 per i licei, da conseguirsi nell’ultimo triennio previo superamento di un corso di formazione sulla sicurezza (secondo i canoni del D.lgs 81/08) con relativo test di verifica.

Il primo nodo al pettine viene quando studenti con disabilità si trovano a dover affrontare questi test improponibili per le loro capacità. Molti docenti di sostegno si trovano ad un bivio: superare loro il test per i propri alunni o non assumersi alcuna responsabilità prevenendo possibili incidenti. Le scuole hanno molta difficoltà ad attivare i percorsi di alternanza diversificati, dando origine ad un fenomeno di reclusione dove gli studenti portatori di disabilità si ritrovano a dover rimanere in classe e nel migliore dei casi lavorare nelle eventuali aziende o laboratori presenti nei propri istituti. Sembrano perciò decaduti i principi di inclusione e valorizzazione delle singole capacità, ottenuti attraverso un lungo percorso iniziato dai padri costituenti. Infatti la legge 107 non fa alcun riferimento agli alunni diversamente abili, facendo così rimanere le scuole, i docenti di sostegno, le strutture ospitanti che hanno difficoltà ad accogliere ragazzi con varie problematiche, in uno stato di confusione generale. Certo è che le scuole devono evitare qualsiasi esonero o esclusione per questi ragazzi, forti della consapevolezza che è la scuola la prima istituzione a favorire la concretizzazione di valori etici e morali quali  l’inserimento sociale di ragazzi con numerose difficoltà, ma non per questo incapaci di vivere la quotidianità dignitosamente.

Mattia Fanfoni 4Apt

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someone