Ritorna il mercato di Piazza Navona

ROMA – Dopo anni possiamo confermare il ritorno del mercato natalizio di piazza Navona nel 2017.
Un mercato per la celebrazione delle feste natalizie e dell’Epifania, tradizionale di Roma.

Torna, come ogni anno in una delle piazze più importanti della capitale, ma non con tutti gli stand di cui disponeva negli anni precedenti. Vengono montate tutte le strutture dal primo dicembre e rimangono aperte fino al 6 gennaio. L’inizio della giornata è alle ore 9,30 e tutto finisce verso mezzanotte o finché c’è movimento.
Dall’anno scorso sono presenti delle piccole ‘capanne’ bianche. Queste sono delle bancarelle di  beneficenza delle onlus o dei terremotati. Alcuni stand delle onlus cambiano ogni anno: certi sono provvisti di giochi, altri sono mercatini dell’usato. Dalle onlus vengono realizzate delle attività ludiche, tra cui alcune costruzioni in legno grandi al centro della piazza. Il guadagno dei prodotti venduti per beneficenza viene devoluto ai terremotati.

E’ il secondo anno che vengono allestite con lo scopo di  attirare l’attenzione della gente e arricchire la piazza. Le vecchie bancarelle sono state tolte per dei problemi organizzativi. Il motivo iniziale per cui sono state abolite tali bancarelle fu perché molte di loro, li presenti da  anni, detenevano il monopolio degli stand commerciali. Ma con la decisione finale di togliere tutti gli stand di proprietà di un’unica persona rimasero solo 12 banchi. Il monopolista della piazza allora  disse ‘o tutti o nessuno’  e il comune decise nessuno. Ci fu così una controproposta del comune che disponeva la riduzione delle bancarelle da 120 a 74. Quest’anno scade il mandato degli stand e nel 2017 si rifarà il bando a cui gli stand parteciperanno nuovamente. Così, dovrebbero essere riammessi in 74. La modalità per vincere il bando avrà alla base  l’anzianità di lavoro sulla piazza.
Ad esempio una bancarella di gioco ludico di proprietà di una anziana signora ove ora lavora suo nipote di 28 anni dall’età di 8 anni ha già ottenuto la possibilità di rimanere.

Al centro della piazza troviamo un palcoscenico chiamato anche dai cittadini romani ‘baracchette dei poveri’ o punti ONLUS dove non si spende denaro. Fu instaurato per la prima volta l’anno scorso. E’ un palco a servizio del mercatino che viene costruito come mezzo attrattivo per non lasciare la piazza vuota. Sul palcoscenico viene indetto un coro natalizio dove cantano i rappresentanti del coro del Chiostro del Bramante.
Il coro è molto bello perché molte persone, compresi i bambini, si uniscono ai canti ed è un bellissimo spettacolo. Quando finisce la scuola e iniziano le feste vengono organizzati più spettacoli con artisti differenti.

Il 25 dicembre, giorno in cui nasce Gesù Cristo, si apre il presepe tradizionale di piazza Navona, che viene smontato il 7 gennaio.

La gente che visita la piazza, rispetto agli anni passati, è in quantità minore poiché gran parte dell’attrattiva della piazza manca. I turisti sono una costante ci vengono con regolarità poiché questa piazza è tra i luoghi più visitati dagli stranieri. Il romano, invece, ci viene sia nel weekend che nei giorni feriali, aspettandosi il mercatino di natale e le giostre per i bambini che invece sono molto ridotti.

di Giada Diotallevi

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someone