VIAGGIO NELLA SCRITTURA: INTERVISTA ALLA GIORNALISTA CHIARA BANNELLA

Noi della prima A della scuola “Sinopoli Ferrini” abbiamo intervistato la giornalista Chiara Bannella, madre di una nostra compagna di classe, che ci ha dato alcuni consigli, fra l’altro, sul modo in cui possiamo scrivere un articolo.
-Perché ha scelto di fare la giornalista?
-Perché è la cosa che mi interessava di più. Anche da piccola sono sempre stata più brava in italiano che in matematica!
-Com’è fare le interviste e girare il mondo, data la sua esperienza?
-E’ molto interessante girare il mondo, soprattutto visitando i paesi poveri: la prima impressione è di senso di colpa, la seconda è di rispetto. Fare interviste è divertente perché si conoscono i punti di vista degli altri.
-Quale argomento ha trattato nella sua carriera?
-Salute e sanità, come migliorare la salute nel nostro Paese e negli altri.
-Quale intervista le è piaciuto di più fare?
-Fare interviste a madri con tanti figli poveri che, nonostante tutto, sorridevano.
-Che percorso ha svolto? Ce lo consiglia?
-Per diventare giornalista, bisogna iscriversi ad un albo, sostenendo un esame, dopo 18 mesi di pratica, ma io ho scelto un percorso diverso: dopo l’università, ho fatto una scuola di giornalismo, che dura 2 anni e sostituisce i 18 mesi di pratica, preparando all’esame che va comunque fatto. E’ un percorso di studio molto difficile, soprattutto adesso che molti giornalisti perdono il lavoro per via di internet, dove può scrivere chiunque. Gli articoli devono essere chiari e sintetici; in TV, bisogna leggere una notizia in un minuto e scandire bene le parole. Purtroppo adesso molti giornalisti televisivi pensano troppo alla loro immagine. La radio è molto utile perché si può ascoltare ovunque, alternando notizie e musica. I giornalisti di solito si specializzano in una materia: cultura, moda, scienza, spettacolo, economia, politica, guerra o cronaca (bianca o nera).

Questa è la vita di una giornalista: faticosa ma molto interessante.

CLASSE PRIMA A

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someone