“S. Áita luriusa”


A Catania oggi si festeggia l’Ottava: come tutti gli anni, nell’ottavo giorno dal 5 febbraio, i devoti della città scendono in piazza e nei luoghi di culto per salutare la Santa e chiudere il “sacello” del cuore, speranzosi di rivederla tra un anno.

Tanto consolidato è il legame con la città, che lei ne è la Patrona e la protettrice da tempo immemorabile: <<Noli offendere Patria Agathae quia ultrix iniuriarum est>> ( in sostanza, Agata è vendicatrice delle offese a Catania e ai catanesi)

Amore, compassione per il martirio, attesa fiduciosa di un miracolo sono i sentimenti personali e civici che accendono i colori e i rumori della città ogni febbraio come oggi.
La tradizione orale e quella storica ci convincono della devozione tenace per S.Agata (Áita):
<<Nto frivaru 252, avìa passatu pricisamenti n’annu di quannu Sant’Àita martirizzata murìu, la muntagna scassò e na trimenta culata di lava ca nun si putìa firmari minazzò di distrùggiri Catania; allura, pigghiati di lu scunfortu, li citatini, dilicatamenti e cu granni divuzzioni pigghiaru lu velu russu pusatu supra û tabbutu di Àita e, tra prijeri e ‘invucaziuni, ù purtaru ‘n prucissioni d’avanti û frunti di la culata.
Û ciumi di lava nfucata si frimmò pi miraculu. Ci fu nù tripudiu: lodi, cilibbrazzioni, inni di ringrazziamentu e di stu fattu Àita vinni fatta Santa.>>

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someone