Liceo Vivona di Roma

Docente responsabile Manuela Alfani

Ostia, la primavera della memoria

 

Luoghi di bellezza, testimoni di speranza. La memoria e l’impegno per le vittime innocenti delle mafie.

Roma. Quest’anno, in occasione della manifestazione nazionale del 21 marzo in ricordo delle vittime innocenti di mafia – organizzata da Libera in collaborazione con altre associazioni – Locri ospiterà il corteo nazionale, mentre nella capitale sarà Ostia il luogo del corteo portavoce della memoria e dell’impegno.

Anche quest’anno il primo giorno di primavera diventa un’occasione per ricordare e insieme fare della memoria delle vittime innocenti delle mafie un impegno concreto per il presente. Una giornata, il 21 marzo, in cui cittadini, volontari e associazioni si uniranno per portare avanti insieme l’impegno di un noi collettivo che vuole ricordare e sperare. Siamo giunti ormai alla XXII edizione della Giornata della memoria e dell’impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie promossa da Libera.

Mentre la manifestazione nazionale vedrà protagonista la città di Locri, saranno circa 4000 in Italia e all’estero i luoghi da cui si alzerà la voce dell’impegno contro le mafie. A Roma, sarà nella brezza salmastra di Ostia che i cittadini si raduneranno per ricordare, insieme ai parenti delle vittime di mafia, un doloroso passato che si rende continuamente presente.

Bellezza e speranza sono le parole chiave del 21 marzo 2017: una manifestazione che non vuole solo criticare e denunciare, ma anche guardare fiduciosa al futuro e aprire una finestra di speranza valorizzando le realtà che ogni giorno lavorano per portare legalità, cooperazione e vita anche nei territori più difficili.

Per chi ha partecipato l’anno scorso alla giornata della memoria e dell’impegno alla Casa del Jazz, quest’anno la novità ad Ostia sarà il corteo, guidato dai familiari delle vittime, con cui si aprirà la giornata. A metà mattina, come di consueto, in contemporanea con tutte le piazze d’Italia, si terrà la lettura dal palco dei nomi di tutte le vittime innocenti delle mafie. A seguire, concerti, seminari e tante iniziative per trascorrere la giornata insieme tra divertimento e formazione.

A organizzare l’evento ad Ostia sono tutti i presìdi di Libera di Roma, che fin d’ora hanno iniziato a costruire nei diversi quartieri i “100 passi” verso il 21 marzo, una serie di iniziative volte a sensibilizzare la popolazione e, in seconda battuta, all’autofinanziamento per la manifestazione della primavera. Si sta tessendo in questi mesi una fitta rete di incontri e progetti nelle scuole, nella speranza che siano proprio i ragazzi più giovani ad essere protagonisti di questa marcia. E di certo lo saranno i ragazzi di Ostia, dove l’anno scorso è stato inaugurato il primo presidio scolastico romano, intitolato a Pier Paolo Pasolini, che raccoglie ragazzi dei licei Enriquez, Labriola ed Anco Marzio. Ma ad Ostia la rete sociale si attivata già da molto prima: il presidio Giancarlo Siani, nato nel 2008, è il primo presidio sorto sulla città di Roma, e da anni è impegnato nella creazione di una rete tra tutte le realtà sociali e le associazioni del territorio e promuove iniziative come i Social Days.

Essere presenti al 21 marzo di Ostia significa dare voce e ascolto alla testimonianza della bellezza di questo impegno: accanto alla cronaca – purtroppo veritiera – e alle recenti inchieste che ci parlano di un territorio difficile e di un clima di criminalità diffusa, la rete di associazioni che lavorano da anni per costruire un’alternativa reclama lo spazio della speranza.

di Alessandra Guido

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someone

Dalla redazione: