ISISS Giordano di Venafro (IS)

Docente responsabile: Marco Fusco; Referente: Professoressa Bianca Buondonno; Direttore Responsabile: Silvio Valentino; Direttori Editoriali: Antonietta D'Appollonio, Federico Colozza; Capo Redattore: Alex Arcaro; Vice Direttore: Luca Scardino; Vice Capo Redattore: Rocco Di Mambro; Grafici: Teresa Marino, Antonella Papa, Martina Bucci; Responsabile Fotografo: Gianmaria Parisi; Responsabile Video: Attilio Del Corpo; Ricerca Web: Carmen Cimino, Francesca Cambio; Giornalisti: Fabrizio Baccaro, Marco Borrelli, Giuseppe Ferri, Cristiano Minicucci, Giancarlo Iadicola, Aldo Mascio, Gianmarco Ottaviano, Mario Rascato, Marialaura Esposito.

Il jazz: tutte le curiosità

di Mattia Buglione e Samuele Ciafrei (ISISS A. GIORDANO Venafro IS)

Il jazz si sviluppa agli inizi del XX secolo a New Orleans, Louisiana. Nasce da un misto di numerose culture musicali, europee (musica per banda militare) e africane (percussione, ritmo).

Gli elementi fondamentali sono il ritmo e l’improvvisazione.

Dal punto di vista tecnico, il jazz moderno è caratterizzato principalmente dall’uso dell’improvvisazione, di blue note, scale modali, di poliritmie e di progressioni armoniche insolite, differenti da quelle utilizzate in altri generi. In particolare la pulsazione ritmica jazzistica, versatile e a volte scandita in maniera irregolare, chiamata swing.

Caratteristica importante del jazz è l’improvvisazione, la quale, dalla variazione del tema iniziale, ha assunto sempre maggiore rilevanza nelle esibizioni.Ad esempio, nel “free jazz” ,genere affermato negli anni sessanta-settanta, il tema era totalmente stravolto e sfociava in esperimenti chiamati “improvvisazione totale collettiva”.

La tipica formazione jazzistica è costituita da un gruppo musicale di dimensioni limitate. La combinazione più frequente è il quartetto, quasi sempre formato da una sezione ritmica composta da batteria, basso o contrabbasso, pianoforte e da uno strumento solista, in genere un sassofono o una tromba.

Inoltre,nella classica formazione, sono possibili e frequenti una grande varietà di cambiamenti. Per quello che riguarda la consistenza numerica, si trovano esempi di performance solistiche (spesso,di pianoforte solo) fino ad arrivare al nonetto, formazione che comincia già ad assumere caratteristiche orchestrali (Big Band).

Per lungo tempo il territorio privilegiato dai musicisti afroamericani fu gli Stati Uniti d’America. Il jazz è oggi suonato, composto e ascoltato in tutto il mondo, ed è considerata musica colta. E’ inoltre un genere molto vasto,che ha assunto moltissime sfumature e cambiamenti grazie ai contatti tra culture e stili musicali diversi, che hanno contribuito a creare molti tipi di questo genere, ognuno con caratteristiche differenti (Cool jazz, fusion, swing ecc.). I maggiori esponenti di questo genere sono: (Miles Davis, Louis Armstrong, Herbie Hancock, David Brubeck, Chick Corea, Benny Goodman e molti altri…)

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someone