La musica e i suoi generi

La musica di questi tempi si sta rivelando una vera e propria costante nella vita dei giovani, ormai fa parte di ognuno di noi, ci caratterizza e a volte ci accomuna con il resto della gente.

La musica può essere ascoltata in modi diversi, differenziandosi in vari generi principali come: Commerciale, Rock, EDM, Classica, ecc. con le rispettive divisioni in sotto-generi. Possiamo dire che la musica ha svariate sfaccettature, diversi stili e ritmi, così da soddisfare tutti i gusti musicali degli ascoltatori.

La musica fornisce diversi tipi di emozioni, che dipendono dal genere, perciò i geni della musica sono riusciti ad inventare e distinguere generi di musica fatti apposta per qualsiasi tipo di ascoltatore, perché ognuno ha uno stile di vita diverso, e la musica può assecondare o cambiare la sua vita, modificare profondamente le persone, nei loro ragionamenti, pensieri, modi di vestire e di essere.

Chiunque può appassionarsi alla musica, andando oltre i propri limiti vitali. Per esempio se ti chiedessi di dire il nome di un noto pianista classico della fine del 700? La risposta sarà Beethoven, un pianista che sebbene nel suo percorso fosse colpito da sordità, continuò a comporre, segnando pagine su pagine di storia della musica.

Le proprietà che possiede questa fantastica arte si estendono anche nel campo medico, perché la musica con i suoi effetti riesce a trattare alcune situazioni patologiche; si sono infatti registrati svariati casi di risveglio da coma, come pure essa è stata spesso utilizzata nel trattamento di disturbi autistici e altre sindromi rare.

La musica può unire le persone, grazie ai suoi molteplici generi che possono accomunare le varie personalità. C’è chi ascolta musica leggera, chi preferisce la classica, chi ama il ritmo e chi la melodia. Così come ci sono personalità tranquille, vivaci, ribelli, ecc. Le personalità si possono associare ai generi ma possono anche essere modificate da questi. La musica ha una grande capacità nell’influenzare gli stati d’animo. Anche se in realtà, nella stragrande maggioranza dei casi, i generi hanno un pubblico proprio: per esempio la musica classica è prevalentemente ascoltata dagli adulti, rispetto alla rap che viene ascoltata dai giovani. I generi trasmettono dei messaggi per il proprio gruppo di ascoltatori, anche perché chi compone un genere musicale conosce bene il suo pubblico, e la maggior parte delle volte ci si ritrova dentro anche come produttore.

Classica o moderna, gioiosa o triste, pacifica o combattente, la musica è sempre la stessa, può variare in tantissimi modi, ma la base rimane sempre quella; essa è uno strumento per rilassarsi, lenisce i problemi, ti fa andare avanti con l’esistenza e ti aiuta non fermarti mai, perché la musica è vita!

 

di Rolando Gonzalez 3B informatico, ITC Vincenzo Arangio Ruiz Roma

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someone