ISISS Giordano di Venafro (IS)

Docente responsabile: Marco Fusco; Referente: Professoressa Bianca Buondonno; Direttore Responsabile: Silvio Valentino; Direttori Editoriali: Antonietta D'Appollonio, Federico Colozza; Capo Redattore: Alex Arcaro; Vice Direttore: Luca Scardino; Vice Capo Redattore: Rocco Di Mambro; Grafici: Teresa Marino, Antonella Papa, Martina Bucci; Responsabile Fotografo: Gianmaria Parisi; Responsabile Video: Attilio Del Corpo; Ricerca Web: Carmen Cimino, Francesca Cambio; Giornalisti: Fabrizio Baccaro, Marco Borrelli, Giuseppe Ferri, Cristiano Minicucci, Giancarlo Iadicola, Aldo Mascio, Gianmarco Ottaviano, Mario Rascato, Marialaura Esposito.

Sumo:lo sport nazionale giapponese

di Rocco Di Mambro  (ISISS A.Giordano,Venafro)

Il sumo è una forma di lotta corpo a corpo nella quale due sfidanti si affrontano con lo scopo di atterrare o estromettere l’avversario dalla zona di combattimento detta dohyo. Il sumo è lo sport nazionale del Giappone.Le origini del sumo risalgono agli inizi del VI secolo,lo sport in principio era più ruvido rispetto alla versione moderna, con la presenza di elementi di combattimento simili alla boxe e al wrestling. I primi gruppi professionistici cominciarono a formarsi nei primi anni del XVII secolo.Lo scopo dell’incontro è atterrare l’avversario o spingerlo fuori dal dohyo.È vietato, durante un combattimento:colpire con la mano a pugno;infierire con le dita negli occhi;tirare i capelli; colpire i genitali;colpire contemporaneamente le orecchie con i palmi delle mani;afferrare la gola;tirare calci al petto e/o all’addome;piegare all’indietro le dita.Il sumo, oltre che sport di combattimento, è considerato essere una vera e propria forma d’arteEsso è formato da 4 riti principali:lo shiko è un movimento particolare nel quale un rikishi si posiziona a gambe larghe con le ginocchia piegate e, alternativamente, solleva le gambe in aria cadendo poi con leggerezza;lo yokozuma dohyohiro è  un rituale propiziatorio;il makuuchi dohyohiri che è la presentazione  al pubblico e il lancio del sale che serve   a proteggere i rikishu da sfortunati scontri, ferite, infortuni e cadute.

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someone