ISISS Giordano di Venafro (IS)

Docente responsabile: Marco Fusco; Referente: Professoressa Bianca Buondonno; Direttore Responsabile: Silvio Valentino; Direttori Editoriali: Antonietta D'Appollonio, Federico Colozza; Capo Redattore: Alex Arcaro; Vice Direttore: Luca Scardino; Vice Capo Redattore: Rocco Di Mambro; Grafici: Teresa Marino, Antonella Papa, Martina Bucci; Responsabile Fotografo: Gianmaria Parisi; Responsabile Video: Attilio Del Corpo; Ricerca Web: Carmen Cimino, Francesca Cambio; Giornalisti: Fabrizio Baccaro, Marco Borrelli, Giuseppe Ferri, Cristiano Minicucci, Giancarlo Iadicola, Aldo Mascio, Gianmarco Ottaviano, Mario Rascato, Marialaura Esposito.

“IL NOSTRO TERRITORIO NON E’ UN ISOLA FELICE, ANCHE DA NOI TANTI EPISODI DI VIOLENZA CONTRO LE DONNE”, IL MAGISTRATO ROSSANA VENDITTI AL DIBATTITO DEL GIORDANO PER LA FESTA DELLA DONNA

di Silvio Valentino (ISISS A. Giordano, Venafro)

Quest’oggi il Magistrato dottoressa Rossana Venditti ha parlato a cuore aperto agli studenti dell’Istituto Statale “Antonio Giordano” nell’ambito dell’evento organizzato dalla dirigenza e dagli stessi studenti in occasione della Giornata Internazionale della Donna. Manifestazione dal grande spessore culturale e umano quella che si è celebrata  presso la sede del Liceo Classico “Antonio Giordano” di Venafro. L’evento dal titolo:”La donna, tra diritti conquistati e diritti negati” è stato arricchito dalla partecipazione della dottoressa Rossana Venditti, Procuratore presso il tribunale dei minorenni di Campobasso. L’umiltà e l’umanità con le quali la dottoressa si è approcciata all’assemblea dei ragazzi hanno contribuito a rendere unica e condivisa da tutti questa manifestazione.

I saluti introduttivi da parte della preside Rossella Simeone hanno sottolineato come le donne, oggigiorno, continuano a lottare per l’affermazione dei propri diritti e per la propria emancipazione. L’assessore Angelamaria Tommasone ha evidenziato come anche in territori come il nostro, le donne fanno fatica a farsi strada in ambito politico e sociale. Il pregiudizio dei governatori è tale da non riuscire ancora a prendere provvedimenti  legislativi.

Il dibattito, che ha visto come protagonista il giudice Venditti, ha visto la partecipazione calorosa dei ragazzi. La dottoressa ha allagato la propria esperienza personale di magistrato presso la procura dei minori a nuove prospettive, per il pieno coinvolgimento delle nuove generazioni. “Il nostro territorio – ha detto la Venditti – non è un isola felice in cui mancano episodi di violenza contro le donne. Molte sono le donne che continuano a subire e a sopportare maltrattamenti da parte di mariti, compagni o padri. La donna non deve chinare il capo ma deve essere pronta a reagire per affermare i propri diritti, perché essi non siano delle consuetudini ma delle sicurezze”. La sua esperienza da magistrato ha contribuito non solo alla sua crescita professionale ma anche al suo sviluppo umano e psicologico. Non bisogna dimenticare il sacrificio quotidiano delle donne comuni; delle donne, che a rischio della loro stessa vita, attraversano il Mediterraneo per donare un futuro ai propri figli; di Mina Welby e Valeria, la fidanzata di dj Fabo, Francesca Morvillo, morta accanto al marito Giovanni Falcone e delle tante madri che continuano a piangere il loro figli, vittime innocenti della violenza. Ogni classe ha presentato un ecsursus storico sulla condizione della donna dal mondo antico a oggi.

La manifestazione ha arricchito gli animi e i cuori dei presenti, soprattutto grazie al contributo della dottoressa Venditti che si è complimentata con docenti, preside, studenti per la manifestazione: “qui tocco con mano la volontà delle giovani generazioni di cambiare il mondo” .

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someone