ISISS Giordano di Venafro (IS)

Docente responsabile: Marco Fusco; Referente: Professoressa Bianca Buondonno; Direttore Responsabile: Silvio Valentino; Direttori Editoriali: Antonietta D'Appollonio, Federico Colozza; Capo Redattore: Alex Arcaro; Vice Direttore: Luca Scardino; Vice Capo Redattore: Rocco Di Mambro; Grafici: Teresa Marino, Antonella Papa, Martina Bucci; Responsabile Fotografo: Gianmaria Parisi; Responsabile Video: Attilio Del Corpo; Ricerca Web: Carmen Cimino, Francesca Cambio; Giornalisti: Fabrizio Baccaro, Marco Borrelli, Giuseppe Ferri, Cristiano Minicucci, Giancarlo Iadicola, Aldo Mascio, Gianmarco Ottaviano, Mario Rascato, Marialaura Esposito.

Lavoro: disoccupazione IN CALO all’11,9%..

di Luca Scardino (ISISS A. Giordano, Venafro IS)

Nel 2015 è aumentata l’occupazione, per il secondo anno consecutivo, e, per la prima volta in sette anni, è calata la disoccupazione. A comunicarlo è l’Istat nel Flash sul mercato del lavoro. Nella media del 2015 il tasso di disoccupazione scende all’11,9% dal 12,7% della media del 2014. L’Istat spiega che nel 2015 la stima dei disoccupati diminuisce «in maniera significativa» (-203.000 unità, -6,3%), soprattutto nella seconda metà dell’anno. Ma non solo.. Nel 2015 l’occupazione cresce in media annua di 186.000 unità (+0,8%) portando il tasso di occupazione al 56,3% (+0,6 punti). L’Istat segnala che in media annua nel 2015 i disoccupati erano 3.033.000 e che gli occupati sempre in media annua erano 22.465.000. E ricorda anche i dati relativi a gennaio 2016, che, al netto della stagionalità, registrano una crescita degli occupati (+70 mila), malgrado la fine della decontribuzione totale per gli assunti a tempo indeterminato.

L’Istat rileva spiegando che nel 2008 gli occupati erano 23.090.000 mentre nel 2009 sono scesi a 22.699.000. Con l’aumento registrato nel 2016 di 293.000 unità, il 2016 ha riportato l’occupazione sopra i livelli 2009. Il tasso di disoccupazione è all’11,7%, il livello più basso degli ultimi quattro anni (nel 2012 era al 10,7% mentre nel 2013 era balzato al 12,1%). Sono diminuiti in modo consistente gli inattivi (-410.000 unità). Sarà una rinascita per l’economia italiana?

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someone