ISISS Giordano di Venafro (IS)

Docente responsabile: Marco Fusco; Referente: Professoressa Bianca Buondonno; Direttore Responsabile: Silvio Valentino; Direttori Editoriali: Antonietta D'Appollonio, Federico Colozza; Capo Redattore: Alex Arcaro; Vice Direttore: Luca Scardino; Vice Capo Redattore: Rocco Di Mambro; Grafici: Teresa Marino, Antonella Papa, Martina Bucci; Responsabile Fotografo: Gianmaria Parisi; Responsabile Video: Attilio Del Corpo; Ricerca Web: Carmen Cimino, Francesca Cambio; Giornalisti: Fabrizio Baccaro, Marco Borrelli, Giuseppe Ferri, Cristiano Minicucci, Giancarlo Iadicola, Aldo Mascio, Gianmarco Ottaviano, Mario Rascato, Marialaura Esposito.

L’incubo pubblicitario arriva anche su WhatsApp..

di Luca Scardino (ISISS A. Giordano, Venafro IS)

WhatsApp si prepara a grandi cambiamenti, che modificheranno WhatsApp radicalmente. Lo rivela l’agenzia Reuters, dopo aver messo le mani su alcune comunicazioni relative al progetto in fase di attuazione presso la società. Dalle informazioni ottenute, sembra che WhatsApp stia pensando di mettere in comunicazione aziende e utenti all’interno della piattaforma attraverso messaggi di servizio e offerte promozionali.

Il servizio di messaggistica dunque potrebbe richiedere un pagamento alle società che desiderano mettersi in contatto con il miliardo di utenti che popolano la piattaforma sfruttando il canale dei messaggi privati, ma questa non è assolutamente una cosa semplice da fare. La minima interferenza di troppo percepita dagli utenti finali potrebbe provocare una reazione che neanche gli avversari più agguerriti di WhatsApp hanno saputo innescare: un esodo di massa dalla piattaforma verso le numerose e simili alternative della concorrenza.

Inoltre si sta osservando il parere dei propri utenti riguardo il tipo di interventi esterni che sarebbero disposti a sopportare pur di continuare a usare il servizio, e quali invece troverebbero effettivamente utili. Il risultato finale non riguarderà quindi necessariamente pubblicità o interventi non richiesti, ma più probabilmente un’interazione più organica che potrebbe coinvolgere bot specializzati nella conversazione e nell’assistenza dei clienti.

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someone