UN RAGAZZO INVESTITO DAL TRENO, UNA TRAGEDIA CHE FA RIFLETTERE

di Giancarlo Iadicola e Attilio Del Corpo (ISISS A. Giordano, Venafro)

Tanta sofferenza e lacrime: così si sono presentati i compagni dei scuola del piccolo Leandro Celia, il tredicenne di Petrizzi investito da un treno ieri sera mentre, insieme a due coetanei rimasti miracolosamente illesi, percorreva a piedi i binari della ferrovia che collega la città di Soverato a quella di Petrizzi, dove abitava il ragazzo. Sono giorni tristi quelli che seguono la morte di Leandro, soprattutto nella scuola media Foscolo , frequentata dal giovane, dove tutti ne ricordano commossi l’unico felice anno trascorso nell’istituto. Ancora incerta la causa della morte, diverse le ipotesi, tra queste quella di un selfie estremo e quindi di una disattenzione finita in tragedia.La domanda è: vale la pena correre un simile rischio solo per una foto?

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someone