ISISS Giordano di Venafro (IS)

Docente responsabile: Marco Fusco; Referente: Professoressa Bianca Buondonno; Direttore Responsabile: Silvio Valentino; Direttori Editoriali: Antonietta D'Appollonio, Federico Colozza; Capo Redattore: Alex Arcaro; Vice Direttore: Luca Scardino; Vice Capo Redattore: Rocco Di Mambro; Grafici: Teresa Marino, Antonella Papa, Martina Bucci; Responsabile Fotografo: Gianmaria Parisi; Responsabile Video: Attilio Del Corpo; Ricerca Web: Carmen Cimino, Francesca Cambio; Giornalisti: Fabrizio Baccaro, Marco Borrelli, Giuseppe Ferri, Cristiano Minicucci, Giancarlo Iadicola, Aldo Mascio, Gianmarco Ottaviano, Mario Rascato, Marialaura Esposito.

Venafro… ciak si gira!

di Alex Arcaro (ISISS A. Giordano, Venafro)

In occasione del 60° anniversario del film “La legge è legge” interpretato da Totò e Fernandel, interamente girato a Venafro, piccola cittadina del Molise, “L’ente Parco Regionale dell’ulivo di Venafro” e l’associazione  “I Venafrani per Venafro”,  organizzano due giornate evento per valorizzare l’ambiente, la storia, la cultura e la società di questo territorio.

 

Nella giornata del 12 Marzo, è stata organizzata un’escursione alla Torricella che terminerà conviviando con un pic-nic al Campaglione. Il ritrovo è alle ore 09:30 presso la storica cattedrale della città. Nell’arco della giornata verrà presentato il progetto “IN MEMORIA DI TOTO’ E FERNANDEL A VENAFRO”. Giovedì 20 Marzo invece ci sarà una proiezione commentata del film alle ore 17:00 presso la sede dell’ente,Palazzo della Congrega (Piazza Annunziata).

La pellicola venne girata nel 1957, e prodotta nel 1958 dal regista Christian-Jaque. I protagonisti principali , Giuseppe La Paglia e Ferdinand Pastorelli, sono rispettivamente interpretati da Antonio De Curtis, in arte Totò e Fernand-Joseph-Dèsirè Contadin, nome d’arte Fernandel. In un paesino collocato sul confine franco-italiano, durante il secondo dopoguerra , il contrabbandiere italiano Giuseppe La Quaglia si trova in perenne lotta col gendarme francese Fernand Pastorelli. Alla scoperta delle origini italiane del doganiere inizia per lui una  serie di rocambolesche vicissitudini: radiato dall’arma, inquisito perché bigamo e altre cose simili dovute alle difformità legislative esistenti tra i due paesi. Una divertente satira sui paradossi burocratici.

  

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someone