DJ Fabo

La storia di dj Fabo ha sicuramente colpito tutti. Prima non sapevo cosa fosse il suicidio assistito, ma dopo aver conosciuto questa storia, penso che sia importante che si parli di più di questo argomento.

Quel che è capitato a Fabiano Antoniani, un dj che amava il suo lavoro, la sua ragazza e tutto ciò che faceva, potrebbe capitare a chiunque. Dopo l’incidente Dj Fabo è diventato tetraplegico e cieco, ma si è sottoposto a varie terapie per vivere una vita migliore senza perdere le speranze per tanti lunghi anni.

Mi ha colpito molto il suo desiderio di voler diventare libero e, da un certo  momento in poi, per lui “essere libero” ha significato trovare pace nella morte, mi ha colpito la sua forza e la sua determinazione nel chiedere aiuto al Presidente della Repubblica per l’approvazione della legge sul suicidio assistito e soprattutto il suo appello ai giovani sull’importanza di usare le cinture di sicurezza quando si viaggia in auto. Forse, alla fine, la cosa che gli ha fatto più male è che per morire sia dovuto andare in Svizzera, invece che rimanere a casa sua, in Italia.

Manfredi Mangano

Classe 2C

Istituto Comprensivo Statale “Giotto-Cipolla” Palermo

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someone