Festa del papà. Ettore e Astianatte.

C’è una scena dell’Iliade, al canto VI , bellissima.
Ettore prima di andare a combattere contro Achille va a salutare per l’ultima volta la moglie adorata Andromaca dalle bianche braccia e il suo figlioletto Astianatte. Il momento è carico d’amore ma drammatico. Ettore cerca di abbracciare Astianatte, ma lui si ritrae spaventato dall’elmo di bronzo con l’enorme criniera che gli copre la faccia e si nasconde nel petto della balia.
Allora Ettore, compresa la ritrosia del bimbo, si toglie l’elmo e, splendido e sorridente, accoglie Astianatte tra le sue braccia.
Lo riempie di tenere coccole.
Poi lo lascia tra le braccia della madre e va al suo destino.

Ettore, lo sappiamo, perde la sua battaglia con Achille, ma rimane per sempre esempio di padre amorevole.
Pur essendo ormai pronto a combattere la battaglia più difficile della sua vita, si leva l’orribile elmo e mostra al figlio il suo amore con gesti di dolcezza e comprensione.

Oggi festa del papà.
I papà in terra e quelli in cielo.
🌹
Prof.ssa Maria Rosaria De Simone

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someone