Liceo Artistico Ripetta di Roma

INTERVISTA

 

Oggi come oggi sono molte le persone che cercano di farsi strada da sole, lavorando in proprio e cercando di guadagnarsi il successo contando solo ed esclusivamente sulle proprie forze.
Oggi andremo ad intervistare Nicoletta, una donna che anni fa ha deciso di iniziare questo viaggio, creando insieme ad altri collaboratori un proprio marchio di abbigliamento.

1) Quale è stata la ragione che ti ha portata ad intraprendere questo tipo di percorso?

A dire il vero non c’è una ragione in particolare, sono state un insieme di coincidenze tra cui l’amicizia stretta con determinate persone e l’esigenza di un lavoro.

2) E’ stato difficile all’inizio mettersi in proprio?

Assolutamente si, all’inizio lo è sempre.
Sono molte le difficoltà a cui si va incontro quando si decide di creare e mettere in atto un progetto, ad esempio se non si ha una disponibilità economica, per questo tipo di lavoro si ha sempre bisogno di finanziamenti oppure il fatto di chiedersi sempre se si è presa la decisione giusta, se sia giusto rischiare e provarci, spesso sono i dubbi che ti assalgono il problema più grande perché non ti permettono di continuare.

3) Da cosa trai ispirazione per le tue idee?

Dato il lavoro che svolgo c’è bisogno di una continua collaborazione da parte di tutti i miei colleghi, le idee infatti spesso ci vengono osservando anche altri negozi che magari hanno uno stile completamente diverso dal nostro oppure riceviamo aiuto anche da una stilista che fa parte del nostro team a cui ci affidiamo completamente.
4) E’ importante avere collaboratori o agganci esterni?

L’importante è trovare delle persone affidabili e costanti con cui lavorare ma, anche avere un giro di contatti lo è.
Questo tipo di lavoro ti porta necessariamente a dover cercare dei contatti, senza non si potrebbe andare avanti, io ed i miei colleghi ad esempio siamo riusciti a creare una rete commerciale in tutta Italia, infatti sono molti i negozi che vendono i nostri capi.

5)Hai mai pensato di non farcela a lavorare in proprio?

No, perché non pensavo di intraprendere questa carriera, inizialmente infatti studiavo per diventare una grafica e lavorare in uno studio.

6)Pensi di aver raggiunto il tuo sogno in campo lavorativo?

No, penso che una persona debba sempre continuare a guardare avanti senza fermarsi mai.

7) Cosa consiglieresti ai ragazzi che vogliono intraprendere questa strada?

Bisogna essere delle persone serie, con grandi ambizioni e forza di volontà altrimenti non si va da nessuna parte, l’unico consiglio che posso dare è quello di cercare sempre di dare il meglio e di non scoraggiarsi soprattutto all’inizio, perché è quella la parte più difficile ma anche la più bella perché è l’inizio di un avventura.

ALICE POZZI 4H LICEO RIPETTA

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someone