Liceo Artistico Ripetta di Roma

Utopian Dreams: Intervista ad una giovanissima creatrice di videogiochi

Angela è una ragazza di Firenze, ha 13 anni, e sta sviluppando il suo primo videogioco: Utopian Dreams, un rpg psicologico. Pur essendo giovanissima cura ogni aspetto del suo progetto da sola, facendosi aiutare dalla sorella solo con consigli e disegni. Ha creato lei storia e personaggi, scritto i dialoghi, e composto addirittura le musiche, che sono diverse per ogni zona del gioco.
Trama: Quin ed Yili sono due ragazze con caratteri totalmente diversi, se non contrari. Due amiche-nemiche d’infanzia che si ritroveranno a dover salvare il mondo dal Virus, un’entità che si è impossessata delle persone ed ha creato un mondo chiamato Incubo. Per riuscirci, dovranno far avverare i sogni più segreti e nascosti delle persone che le circondano, fare i conti con il loro stesso passato e sconfiggere il Virus, ma sarà davvero tutto qui?

Come ti è venuta in mente l’idea di creare un videogioco?
Da amante dei giochi creati in rpg maker, ho sempre desiderato di svilupparne uno. Da qualche mese mi esercitavo e cercavo tutorial senza risultati, e mia sorella mi ha aiutata molto. Senza di lei dubito che sarei riuscita a imparare.

È nata prima l’idea della storia o del videogioco?
La storia. È nata in una maniera un po’ contorta: l’ispirazione per i personaggi principali, Yili e Quin, mi è venuta da un sogno che feci un anno fa. Nel sogno le due ragazze dovevano affrontare una serie di prove arrivando infine al Virus e sconfiggendolo. Tutto sommato, però, devo ringraziare questo banale sogno perché senza di esso adesso non sarei qui. Quindi sì, è nata prima la storia e poi il videogioco, anche se vanno abbastanza di pari passo: la trama principale scorre, e nel frattempo, nelle diverse ambientazioni, ricorrono le principali funzioni di rpg maker, come risolvere enigmi e trovare oggetti vari.

Da quando hai iniziato seriamente a lavorarci? Per quale piattaforma e quando sarà disponibile Utopian Dreams?
Il 20 aprile 2016 ho creato la cartella del gioco, e mi sono sempre impegnata molto per mandarlo avanti. Il gioco sarà disponibile e scaricabile gratuitamente nel 2018 per Windows. Dubito che sarà disponibile per Apple, ma non si sa mai.

C’è qualcuno o qualcosa a cui fai riferimento o a cui ti ispiri?
Cerco di trovare ispirazione in tutti i luoghi in cui vado, le immagini che vedo, la musica che ascolto. Ogni cosa per me può essere fonte di ispirazione, sia per la storia, sia per comporre. Comunque, nonostante le molte differenze, credo di aver inconsciamente rappresentato me e mia sorella in Yili e Quin.

Personalmente, preferisci Quin o Yili? C’è qualche personaggio che adori particolarmente?
Tempo fa ti avrei detto Quin probabilmente, però Yili è veramente adorabile, in più sono due facce inseparabili della stessa medaglia, e non saprei dirti chi preferisco tra le due, e conoscendo anche il finale del gioco è ancora più difficile. Per il resto dei personaggi ho tentato di renderli tutti il più piacevoli possibile, dando loro un carattere ben preciso e una loro storia, anche se alcuni dei miei preferiti sono Fhea e Vasilij, che si incontreranno più avanti nel gioco.

Vuoi dire qualcosa a chi vorrebbe sviluppare un gioco ma crede di non esserne in grado?
Io ho cominciato dal niente assoluto. Avevo solo la passione per i giochi rpg maker, e mi sono impegnata a fondo per coltivare questo mio hobby. Adesso posso tranquillamente programmare senza molti problemi, e solo nel giro di qualche mese. Se si vuole veramente una cosa, nella maggior parte dei casi la si può ottenere. Guardate tutorial, sperimentate, osservate la programmazione di altri rpg: diventerete degli sviluppatori esperti, o qualsiasi altra cosa voi vogliate diventare!

Hai qualche Social dov’è possibile seguirti?
Questa è Stormelle, la pagina dove pubblico i miei disegni, alcuni anche inerenti ad Utopian Dreams.
https://www.facebook.com/stormelleart/
Questa invece è la pagina ufficiale di Utopian Dreams, ancora in fase di costruzione. https://www.facebook.com/Utopian-Dreams-696266033886874/

Vuoi dire qualcosa ai lettori e a chi vorrà giocare ad Utopian Dreams?
Nel passato accadono molti eventi sgradevoli e spesso è quasi impossibile riuscire a superarli. Nonostante sia difficile da ammettere, non si può sfuggire alla realtà: i problemi vanno affrontati, e non con la via più semplice. A ognuno di noi è capitato sicuramente un momento triste nella nostra vita, ma non bisogna scoraggiarsi. Detto questo, spero di avervi incuriosito, se è così, seguite il progetto! Grazie di tutto!

Sabrina Ristori, III F, Liceo Artistico Statale Via di Ripetta
Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someone