UN IMPORTANTE PROGETTO: “SAPERE I SAPORI” PARTE SECONDA (O L I O)

IL GIORNO 9 MARZO 2017 SI E’ TENUTA LA SECONDA LEZIONE DEL PROGETTO “SAPERE I SAPORI”, NELLA QUALE SI E’ AFFRONTATO IL TEMA DELL’OLIO.

L’AGRONOMO CI HA SPIEGATO CHE PER CONSTATARE LA QUALITA’ DELL’OLIO NON VA UTILIZZATA L’ANALISI VISIVA, PERCHE’ IL COLORE DELL’OLIO POTREBBE ESSERE ALTERATO DALLA CLOROFILLA, BENSI’ VA ADOTTATO IL SEGUENTE METODO:

  • VERSARE TRE ML DI OLIO IN UN BICCHIERE;
  • ESPANDERE L’OLIO ALL’INTERNO DEL BICCHIERE;
  • POSARE IL BICCHIERE SU UNA MANO E COPRIRLO CON L’ALTRA ED ASPETTARE ALL’INCIRCA 20 SECONDI;
  • PORTARE IL BICCHIERE AL NASO EFFETTUANDO DUE ASPIRAZIONI;
  • DI SEGUITO PORTARE IN BOCCA L’OLIO E “MASTICARLO”;
  • ESEGUIRE LO “STRIPPAGGIO”, COME PER IL PANE;
  • DEGLUTIRE.

ALLA FINE DI QUESTE OPERAZIONI POSSIAMO CONSTATARE LA BONTA’ DELL’OLIO SE ABBIAMO QUESTE DUE SEMPLICI CARATTERISTICHE:

  1. ODORE FRUTTATO;
  2. PICCANTE, CHE NON E’ UN ELEMENTO CHE SI PERCEPISCE CON IL GUSTO, MA CON IL TATTO.

INOLTRE, CI E’ STATO CONSIGLIATO DI NON ESPORRE L’OLIO AI RAGGI SOLARI E QUINDI COPRIRE LE BOTTIGLIE CON DELL’ALLUMINIO OPPURE CON DEL CARTONE, DI NON TENERE L’OLIO IN GRANDI TANICHE O CONTENITORI DI LATTA QUANDO IL LIVELLO DELL’OLIO E’ BASSO PERCHE’ AVVIENE L’OSSIDAZIONE E QUINDI ALTERA LA QUALITA’ DELL’OLIO E DI NON CONSERVARE L’OLIO PIU’ DI UN ANNO E MEZZO.

CHIARA DANNA  II^ B

                                                                                                                                                I.C. ALBERTO SORDI

                                                                                                                                                           R O M A

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someone