Scuola primaria di Fara Novarese

Docente responsabile Fulvia Bernascone

Maglioni di Bau Bau

Secoli fa gli Eschimesi e i Lapponi usavano filare il sottopelo dei propri cani per ottenere indumenti molto caldi, ma anche ora viene utilizzato questo materiale di scarto. In Italia è una pratica ancora poco conosciuta , esistono piccole attività in proprio. Il dubbio di molti è che la lana di cane puzzi, ma si sa che viene prima lavata.

Si tratta di materiale riciclato, è una produzione cruelty free che non ha nulla a che fare con l’uccisione di animali per ottenere la loro pelliccia. E’ anallergica, è altamente traspirabile, è molto calda, è unica (perché grazie ai vasti colori delle varie razze non ha bisogno di coloranti)!

Voi lo fareste? Io sì!!!

Redazione Scuola Primaria di Fara Novarese

Docente Referente: Fulvia Bernascone

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someone