La bisnonna Amabile: interviste di guerra

Un giorno la mia bisnonna Amabile ha raccontato, a mia mamma, un episodio di quando era signorina e c’era la guerra. Lei aveva un negozio di alimentari e le sue vicine di cortile erano tre ragazze che erano tre sorelle e erano anche sue amiche.

Una mattina si è sparsa la voce che arrivavano i fascisti armati di fucile a rubare nelle case e nei negozi. Lei e le sue amiche hanno deciso di nascondersi nel pagliaio con i propri risparmi. I fascisti una volta arrivati in negozio non hanno trovato nessuno e hanno incominciato ad urlare: “Uscite, altrimenti vi ammazziamo tutti!”

La bisnonna aveva il cuore in gola, tremava dalla paura e iniziò a pregare; i soldati arrabbiati gridavano sempre più forte finché una donna anziana del cortile si fece vedere e disse: “Qui non c’è nessuno, andate via! Sono tutti in campagna a lavorare e il negozio è chiuso!”

I soldati le hanno creduto e se ne sono andati, così la bisnonna e le sue amiche sono uscite dal nascondiglio sane e salve. La sera, come ringraziamento, hanno pregato San Damiano, perché le aveva protette. (Inviato speciale: Lorenzo Bertoldo)

Redazione Scuola Primaria di Fara Novarese

Docente Referente: Fulvia Bernascone

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someone