ISISS Giordano di Venafro (IS)

Docente responsabile: Marco Fusco; Referente: Professoressa Bianca Buondonno; Direttore Responsabile: Silvio Valentino; Direttori Editoriali: Antonietta D'Appollonio, Federico Colozza; Capo Redattore: Alex Arcaro; Vice Direttore: Luca Scardino; Vice Capo Redattore: Rocco Di Mambro; Grafici: Teresa Marino, Antonella Papa, Martina Bucci; Responsabile Fotografo: Gianmaria Parisi; Responsabile Video: Attilio Del Corpo; Ricerca Web: Carmen Cimino, Francesca Cambio; Giornalisti: Fabrizio Baccaro, Marco Borrelli, Giuseppe Ferri, Cristiano Minicucci, Giancarlo Iadicola, Aldo Mascio, Gianmarco Ottaviano, Mario Rascato, Marialaura Esposito.

Cosa significa essere imbranati?

di Alex Arcaro (ISISS A. Giordano, Venafro)

Un recente studio inglese ha affermato che le persone più maldestre presentano più materia grigia del normale. I ricercatori dell’ University College of London hanno rilevato che i soggetti letteralmente dotati di più materia grigia sono i più inclini a vagare con la mente. Gli psicologi dividono tre tipi patologici di maldestri: l’assente, l’insicuro e l’irresponsabile.

L’assente non ama la sua vita ma non ha il coraggio di cambiarla. La soluzione secondo gli esperti è capire cosa si voglia dalla vita e cercare di cambiarla, tentando con qualche terapia di mindfulness, la tecnica di contrazione che aiuta a riprendere contatto con la realtà quando i pensieri portano a essere sempre “fra le nuvole”. L’insicuro è affetto da una forma di fobia sociale, cioè dal disagio derivante dalla percezione di essere sempre osservati e di non essere mai all’altezza di chi ha intorno, teme di essere continuamente giudicato inadeguato o fuori luogo e ha paura di disturbare o essere di troppo. Oltre a delle terapie , gli psicologi consigliano un po’ di ironia e autoironia. In ultimo l’irresponsabile , affetto dalla sindrome di Peter Pan, è abituato ad avere qualcuno che ripara i suoi danni. Eterno adolescente, l’esatto opposto dell’insicuro, poiché non soffre dei suoi errori. L’unica soluzione è quella di diventare grandi e sporcarsi le mani con cose che non ci piacciono.

Gli esperti consigliano sopratutto di riordinare i propri pensieri e concentrarci su un obiettivo alla volta, per essere più presenti e di non agire sopra pensiero che ci porta a comportamenti affretati che sono causa di piccoli e grandi inconvenienti.

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someone