ITCG Matteucci di Roma

Torlupara

Derisa, derubata e insultata e anche se non è il posto Migliore frate, resta la mia borgata, la mia testa è saltata, ho i ricordi di un infanzia complicata, e la mia vita fra, e sempre piu intrecciata. Sono scappato via dal mio posto per fuggire da, certi personaggi e poi mi trovo ora, a rivederli sotto altri raggi. Ho, dejavu cronici, flashback attacco il jack e sparo codici in step… keep calm and listen to my story, questa è la canzone di Torlupara impara a sognare, continua a scappare a prendere l’auto per andare cauto in alto, ma quando cadi, perdi gradi vedi tutto brutto: un sogno distrutto.

Rit.

Devo ottenere il successo,

per sostenere il mio processo

perche io continuo e mi vedrai,

tra le gente colta, ormai

sarò il nerd che invidierai

e fra’, tra chi mi supporta,

ci sara anche la tua invidia che non ti sopporta.

Da queste parti si parla tanto, ma nessuno alla fine fa mai più di tanto, chiesa bruciata, realtà spacciata, piazza nassirya, vado via. Non sono un traditore, sono uno sognatore e fra’ ho bisogno di costruirmi il futuro per portarlo pure qua, in modo che altri ragazzi come me abbiano il diritto di imparare da questo posto, e non partire via e andarsene in un altro posto , sono fiero di dove abito soprattutto quando porto le persone del Matteucci nel teatro di tante mie sconfitte

Rit.

Devo valutare un insuccesso

per salvare il mio processo

perche io continuo e mi vedrai,

tra le gente colta ormai,

sarò il nerd che invidierai

e fra, tra chi mi supporta,

ci sara anche la tua invidia che non ti sopporta.

Prima che tu te ne vada, voglio dirti ancora una cosa, questa canzone scritta e ancora non cantata la devono leggere soprattutto chi non ha creduto in me e tutte quelle persone che non mi hanno dato retta che io un giorno scriverò e lo farò per la scuola e per scrivere non intendo solo sputare il veleno ma anche scrivere dei programmi, per risolvere i problemi. Ogni problema ha una soluzione, come ogni algoritmo ha una traduzione e se un giorno Torlupara si alzerà in piedi e io sono pronto a stringergli le mani.

Rit. (x2)

Devo ottenere il successo,

per sostenere il mio processo

perche io continuo e mi vedrai,

tra le gente colta, ormai

sarò il nerd che invidierai

e fra’, tra chi mi supporta,

ci sara anche la tua invidia che non ti sopporta.

 

di Gianmarco De Grassi

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someone

Dalla redazione: