Scuola primaria di Fara Novarese

Docente responsabile Fulvia Bernascone

Baby Caring: la scuola che educa alla bellezza e all’arte

Una scuola che educa alla bellezza e all’arte. E’ nato a Milano il primo Children Innovation Lab, che accoglie bambini da un anno a 12 anni. Aperto 7 giorni su 7, si chiama Baby Caring ed è il primo a proporre un percorso di crescita unico, bilingue , basato sull’educazione alla bellezza in tutte le sue sfumature, coinvolgendo il pensiero, l’osservazione e la riflessione. Un’idea di insegnamento e apprendimento che vede il bambino protagonista attivo.

I piccoli che frequentano Baby Caring ogni giorno possono ammirare le opere d’arte esposte in forma di galleria, ma non solo, producono arte con laboratori ideati e curati da artisti di fama internazionale con un obiettivo chiaro: educare all’arte per creare arte.

L’esperienza si svolge in un tempo minimo di due ore, dove i bambini sin dalla prima infanzia possono sperimentare i diversi linguaggi dell’arte, della musica e del bello. Inizia sin dai primi anni di vita perché rappresenta un momento essenziale per lo sviluppo della propria personalità e delle proprie attitudini. Scoprire il bello perché possa imparare a riconoscersi come “cosa bella” e sviluppare capacità di relazioni proprie. Un esempio di laboratorio è l’orto didattico su una superficie di circa 400 metri quadrati. Poi ci sono i laboratori dove ad esempio i bambini si sporcano le mani su una tela ricoperta di intonaco, per dar vita ad un’opera d’arte libera da vincoli, dove il sole può essere di tutti i colori e la matita si impugna come si vuole.

O il laboratorio micro-memory dove i bambini sono stimolati a creare immagini a tema su una carta creata in laboratorio per dar vita a piccoli libri d’artista. Che ruolo ha il bilinguismo nel percorso di crescita del bambino? La ricerca scientifica ha ampiamente dimostrato i molti effetti positivi del bilinguismo infantile. I bambini bilingui conoscono diversi vocaboli per esprimere lo stesso concetto o oggetto, arrivano spesso ad imparare a leggere o a scrivere prima dei coetanei monolingui.

Sviluppano inoltre buone capacità di attenzione e di esecuzione di richieste e la capacità di comprendere che le persone possono avere un punto di vista diverso dal proprio. Infine si è dimostrato che gli effetti del bilinguismo sono permanenti e si rivelano come un vantaggio formativo in età adulta. Dunque, non chiediamoci “perché” far imparare ai bambini due o più lingue. Piuttosto chiediamoci “come”.

Redazione Scuola Primaria di Fara Novarese

Docente Referente: Fulvia Bernascone

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someone