Una sorella come mamma

‘Na ragazza
De te pazza
Che n’te se stacca più
E quando sei triste te tira su.
Te fa ragionà
Su ‘no sbaglio da nun rifà
È lei quella grande, la maggiore
Dodici anni de differenza creano stupore
L’occhi uguali, er soriso…
Tra noi due nun devi mettece er dito
‘Na tua gemella
Bella
Dolce ma nun santarella
E se penso che da mamma me po’ fa
Aspe’ aspe’, nun t’allargà
La mamma nun è lei
Ma più o meno lo sei
La mia sorellona
Bellona
Nun se tocca
nemmeno pe ‘na ciocca.
Ti voglio tanto bene!

VITTORIO DI VINCENZO 2B

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someone