Liceo Democrito di Casalpalocco

Intervista alla pittrice Yajaira M. Pirela M., artista contemporanea residente nella capitale

 

Quando ha cominciato a dipingere?

La passione per la pittura l’ho sempre avuta, sin da bambina, inoltre il mio amore è sempre stato nutrito da mio padre, che più volte mi portava con lui nei Musei. I miei genitori hanno sempre incoraggiato la mia vena artistica.

In che stile si identifica?

Da sempre mi sono identificata nell’espressionismo astratto, sia per stile pittorico, sia come filosofia artistica, e in particolare, la corrente che maggiormente ha influenzato il mio percorso è stato il Tachisme.

Dove ha esposto di recente?

Recentemente ho esposto nell’abbazia di San Nilo a Grottaferrata alla biennale di “Generazioni a confronto” ideata dal professor Giorgio Di Genova , docente emerito di Storia dell’arte , alla Camera dei Deputati , da Novembre 2016 a Febbraio 2017 , partecipando alla mostra “Vo(l)to di donna” in omaggio ai 70 anni del riconoscimento del voto alle donne. Prossimamente parteciperò alla riunione di AIAPI dell’UNESCO nella cittadina di Rovereto.

Come riesce a conciliare la sua vita di artista con quella di tutti i giorni?

Perché sono sempre un’artista, inoltre vivo tale condizione come una persona comune

Che messaggio vuole trasmettere lei con le sue opere?

È difficile spiegarlo, le mie opere sono attimi, in genere cerco di rappresentare quello che non si vede, essendo una pittrice astratta. Catturo momenti, ma essendo una persona estremamente positiva, le mie opere vogliono trasmettere serenità, non sento la mia arte come espressione di un animo tormentato, ma come tranquillità su tela.

Gabriele Luca Cocco

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someone