Poesia “Ajere e avuoje” (Ieri e oggi)

Questa poesia in dialetto isernino, con la quale ho partecipato quest’anno scolastico, conseguendo una menzione di merito, al concorso per le scuole indetto dall’Unpli, è a me molto cara perché racconta del bellissimo rapporto che ho con mio nonno Carlo con il quale spesso vado a fare lunghe passeggiate nel centro storico di Isernia. Durante le nostre camminate io gli parlo della mia vita scolastica e lui mi racconta della sua gioventù.

 

Ajere e avuoje

 

Ogne tant, anzieme a tatiglie Carlo e sorema

ce ne jamm a cammenà a capabballe a Sergna.

Mentre cammnamm p’ le vechera,

nonne c’arracconta d quand ‘eva vaglione.

C steva la festa r Sand Cosma e Damiane

che la fieria re le cipolle nen tant luntane.

R mocchiera r cipolle dù metr iàvete

p’ le pruvvisct r tutt l’anne.

Vicin a la villa comunal

c steva nu campett addò jeven a juocà

c facevan la metenza d l rane quand’eva tiemp

e lor c s jettavan rent a l’antrasatta.

Quand’eva Sant’Antandonie a la chiazza d ru Sandone

ch cataste re legniem app’cciavan re fuoche.

E caccherun, sott a la vrascia, (e no p’ puoche!)

cocevan le patan la sera:

p’ tutte eva ‘na festa vera!

Z’ eva a pier a l’Acqua Zolfa

c stevan r bagn termal: e che b’llezza!

la pelle arr’vntava fresca e pura.

Ma arr’vatt pur nu moment brutt

l bombe chiuviettn rappertutt

gl’american rielavan l c n gomme

a r criature ca vulevan acquieta’.

Rice nonnm: a part la uerra, evan tiemp bieglie!

senza pericul, senza tranieglie.

Je ru steng a s’ntì, ma intante penz

ca ru temp mie, nen è accuscì brutt.

La mea nen è sul ‘na preferenza

è che avuje, bascta poc p’ fa’ am’cizia

e canosce tutt ru munn.

Siria Maria Monaco II I

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someone