La scuola è un’azienda

La scuola è un’azienda. Bisogna produrre, introdurre problemi ad una vita già complicata ed essere guardati attraverso un numero e non attraverso un sacrificio: magari noi passiamo ore intere dietro ai libri, per poi alla fine non riuscire a produrre nulla e ci viene detto “che siamo dei nullafacenti”. Ma perchè continuare con i voti? Perchè non basarsi sul tempo speso, sull’impegno e sul coraggio di andare avanti? Perchè cazzo valiamo quanto dei numeri? Io personalmente sono demoralizzato, sono stufo di affrontare certi discorsi in classe, sono esausto degli sbagli che vengono commessi quando si parla di me e non trovo giusto che un pomeriggio al mese 10 persone che erano come me, abbiano il diritto di parlare di me senza che io lo sappia. E non ti puoi difendere, è la tua parola contro la loro e chi vincerà? Immaginatevi, tanto si guardano solo quei numeri scritti dopo una giornata storta, un malessere fisico, un piccolo bisogno di “abbandonare” la giornata per fare qualcosa di diverso, di utile e di rinascita. Fateci rinascere e i vostri numeri li avrete!

Gianmarco De Grassi

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someone