Scuola Secondaria di Primo Grado "Puccini" di Firenze

Docente responsabile Paolo Boschi

Per Bill Gates I posti di lavoro affidati a computer vanno… tassati

William Henry “Bill” Gates II (Seattle, 28 ottobre 1955) è un imprenditore, programmatore e informatico statunitense. Fondatore e presidente onorario di Microsoft, si è posizionato più volte in testa alle classifiche degli uomini più ricchi del mondo, stilate da “Forbes” e “Bloomerg”: nel 2016 infatti risultava al primo posto, con un patrimonio di 75 miliardi di dollari. Gates ha di recente rilasciato un’intervista dove affermava che i robot che sostituiscono il lavoro manuale dovrebbero pagare le tasse dato che le fabbriche li ingaggiano per questo motivo, cioè fare un grande risparmio sul salario di molti operai. Secondo varie stime i posti di lavoro a rischio negli USA sono otto milioni mentre tra i lavoratori anglosassoni i posti che potrebbero scomparire sono ben 15 milioni. Sono a rischio di automazione i lavori meno retribuiti e,quindi, si amplierebbe il divario fra poveri e ricchi. Anche la UE si era posta il problema di tassare i robot per creare un fondo per aiutare i disoccupati, questa proposta, purtroppo, è stata bocciata pochi mesi fa. Gates è ottimista riguardo al progresso: il creatore di Microsoft afferma che gli esseri umani e i lavori da essi svolti saranno indispensabili sempre. “Al momento se un lavoratore umano guadagna 50000 dollari lavorando in fabbrica, il suo reddito è tassato. Se un robot svolge lo stesso lavoro dovrebbe essere tassato allo stesso livello” ha affermato Gates, perché ciò aiuterebbe ad aumentare i posti di lavoro per le mansioni che solo esseri umani possono svolgere come l’insegnamento, la cura degli anziani e delle persone con esigenze speciali. L’uso di robot “può generare profitti con risparmi sul costo lavorativo” ha dichiarato Gates “per questo i robot dovrebbero pagare imposte minori di quelle umane,ma dovrebbero pagarle. Non credo che le fabbriche che producono robot si arrabbierebbero se fosse imposta una tassa” ha concluso Gates.Il 45% delle attività per cui la gente è retribuita, in futuro, potrà essere automatizzata usando tecnologie già sperimentate, difatti a San Francisco è stato aperto un caffé completamente automatizzato.
Niccolò Serni & Leonardo Fattori 2D

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someone