IIS Azzarita di Roma

Le scuole sono finite: estate di riposo o estate allo “sbando”? 

A partire da inizio Giugno, quando la scuola finisce, i ragazzi iniziano ad uscire più frequentemente insieme dato che non hanno più l’impegno dello studio e anche perché le nostre città offrono diverse varianti di svago. Inoltre l’estate permette loro di svolgere tutte queste attività grazie anche ai lunghi periodi di sole che solitamente ci riserva.
Ci sono diversi tipi di ragazzi: quelli che vedono nell’estate un momento per rilassarsi e non pensare più allo studio facendo passeggiate al mare e andando in bicicletta per il lungomare, passando le sere a casa con amici parlando tra loro e ci sono invece ragazzi che si diverto a passare l’estate in modo più confusionario, come, per esempio, andando durante il giorno non al mare ma per esempio nei parchi divertimento, parchi acquatici, senza mettere mai fine a questo tipo di vacanza e passano la notte girovagando per discoteche o uscendo insieme in giro per la città fino a tardi quindi senza stare “a riposo” a casa. Durante l’estate molti ragazzi tendono ad andare ai vari eventi estivi come per esempio grandi discoteche che possono diventare luoghi di risse in quanto spesso si si beve e sono frequentatii da tantissime di persone.
Sono solitamente questi ragazzi che tendono a trascorrere in compagnia di alcuni loro amici un periodo estivo in luoghi come Rimini e Riccione, scegliendo di allontanarsi dalla loro città per divertirsi e fare nuove esperienze.
 Vi sono infine ragazzi che tendono a fare subito i compiti assegnati dalle rispettive scuole per poi avere tutta l’estate libera per stare con gli amici al mare dove giocano a carte e giocano a sport da spiaggia come beach tennis e beach volley e che quindi passando la giornata stancandosi ma anche riposandosi, tendono a uscire di sera in luoghi calmi stando seduti al bar o andando in spiaggia a divertirsi ma senza nessuna voglia di passare una serata confusionaria.
Solitamente la cosa che accomuna tutti questi ragazzi è che almeno una settimana delle vacanze essi la passano insieme alla famiglia con la quale partono per l’estero o altrimenti visitano località di mare della propria nazione. Dunque i ragazzi non sempre vogliono trascorrere un’estate all’insegna dello sbando ma ci sono ragazzi che vogliono trascorrere il periodo estivo per riposarsi dagli intensi periodi scolastici.
di Niccolò Taberini
Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someone

Dalla redazione: