Camera: anche Facebook racconta stories visive

È già da qualche settimana che Facebook si è rivoluzionato dando vita ad una nuova interfaccia. Da adesso in poi si concentrerà sul linguaggio delle immagini grazie alla nuova app “Camera”. “Gli smartphone hanno cambiato il modo di comunicare”- ha spiegato Connor Hayes, project manager di ‘Camera’ – “oggi la comunicazione è fotocentrica, le persone amano raccontare se stesse con le immagini”.
La nuova applicazione, già presente in tutto il mondo, è lo strumento con il quale il social network più famoso del mondo vuole soddisfare le esigenze dei suoi utenti. Ovviamente l’applicazione sarà dotata di numerosi filtri ed effetti divertenti. Le foto e i video potranno essere modificati con l’aggiunta di sticker o text, inoltre non rimarranno più di 24 ore sulla piattaforma online.
Oltre alla possibilità di condividere ‘stories’ con tutto il mondo virtuale, ci sarà l’opzione di poter inviare le nostre foto o video a pochi amici selezionati. Lo scambio di immagini potrà anche avvenire in una chat apposita, ‘Direct’, la quale rischia di mettere fuori gioco Messanger, la precedente app di messaggistica messa a disposizione da Facebook.
Tutta questa ‘story’ non sembra nuova. Facebook è il social network di maggior successo a livello planetario, non sorprende quindi che inizi a prendere spunto dalle altre applicazioni concorrenti. Infatti pare che l’idea della comunicazione tramite ‘fotogrammi’ sia stata messa in atto 3 anni fa, da Snapchat, un servizio di messaggistica istantanea per smartphone o tablet che utilizza appunto foto o video al posto dei testi. A seguirla è stata Instagram, che da nemmeno un anno permette di pubblicare immagini che vengono cancellate dalla ‘home’ dopo 24 ore.
Nonostante sembri che l’aggiunta delle stories a Facebook sia gradita a tutti, compreso Mark Zuckerberg, tale fenomeno sta diffondendosi con molta rapidità. Addirittura da oggi anche Whatsapp ha deciso di aggiungere le sue personali ‘stories’. Infatti, da qualche giorno è possibile avere aggiornamenti di stato comprensivi di foto, video e GIF animate; ovviamente tutti gli aggiornamenti scompariranno in 24 ore.
Ciò fa sì che tutti i social network sembrino uguali e monotoni, senza differenze tra loro. Le stories iniziano piano piano a popolare il mondo virtuale venendo a sostituire i messaggi scritti.
Talvolta diventano pesanti. Gli utenti invece di vivere il momento, preferiscono filmarlo o fotografarlo, per poi perderlo per sempre dopo 24 ore. Così, mentre ogni social network si appropria della sua ‘story’, noi rischiamo di perdere la nostra…

Alessia Priori
Classe 1B

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someone