Il mondo dei sogni ormai è a portata di mano

La curiosità dell’uomo ha portato a svelare molti misteri, tuttavia alcuni non sono ancora risolti, proprio come quello dei sogni. Infatti la zona del cervello dove questi nascono è ancora poco conosciuta: in alcuni esperimenti passati era stato notato che i volontari coinvolti erano come in un “mondo parallelo” e completamente disconnessi dalla realtà. Così un gruppo di ricercatori italiani e americani hanno scoperto in quest’area, poco nota, una zona che sarebbe la sorgente dei sogni. L’hanno chiamata “Hot Zone” ovvero zona calda corticale posteriore, dato che infatti si trova nella parte della nuca. Essa diventa molto attiva proprio mentre sogniamo, infatti partono delle onde lente che caratterizzano il sonno profondo, ma poi lasciano spazio alle onde rapide che invece sono tipiche della veglia; e attraverso un elettroencefalogramma si è cercato di prevedere se i volontari stessero sognando; ciò è risultato nell’87% dei casi. Un’ipotesi afferma addirittura che grazie a queste onde, un giorno si possa riuscire a vedere quello che una persona sogna, anche se ancora questa possibilità è pura fantascienza. Un’altra cosa ancora non del tutto conosciuta riguarda ciò che accade nella fase Rem e non Rem del sonno, visto che effettivamente i sogni provengono dalla Hot Zone.
In una fase di questo esperimento a 32 persone sono stati attaccati per tutto il sonno degli elettrodi e 7 persone in particolare sono state svegliate durante la notte anche 10 volte per riferire l’ultima immagine del sogno che si ricordavano. Infine i ricercatori hanno potuto ipotizzare che non solo si è coscienti durante la veglia, ma anche durante il sonno profondo, visti i fondamenti di base neurologica degli esperimenti svolti. E se, nonostante il sonno, il cervello è cosciente, si potrebbero ottenere nuovi maker per valutare gli stati di coma o anestesie. Ma ancora rimangono dei misteri dietro i nostri inspiegabili sogni, nei quali elaboriamo immagini, quando riusciamo a ricordarci ciò che abbiamo sognato, che a volte ci possono apparire inspiegabili e strane, anche se in realtà possono avere a che fare più da vicino con la nostra vita quotidiana o con ricordi di specifiche cose che ci hanno colpito.
Anna Pasquini – Classe 3C

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someone