Scuola Secondaria di Primo Grado "Puccini" di Firenze

Docente responsabile Paolo Boschi

Regole? Non funzionano se si usano gli smartphone in classe durante le lezioni

Sempre di più sono i ragazzi di tutto il mondo che dai 9 anni in su utilizzano gli smartphone in classe, tenendoli sotto i banchi per non farsi beccare dai professori mentre spiegano.
Addirittura il neopresidente francese Emmanuel Marcon ha annunciato di voler bandire l’uso dei telefoni fino alle scuole superiori. In Italia invece la proibizione è stata in parte superata dal Piano nazionale per la scuola digitale. Il risultato è che oggi ogni scuola italiana può scegliere se ammettere gli smartphone o tablet per scopi didattici. Rita Marchignoli, insegnante e appassionata di tecnologia, con la sua piccola classe di 7 alunni usa i tablet per fare lezione, e dice : ”Mi trovo bene. Gli alunni partecipano con interesse. Così riesco a coinvolgere anche chi non sa bene la lingua, ha dei problemi di calligrafia o è disabile”. Anche Ienia Melli , professoressa di matematica alle scuole secondarie,è della stessa idea. Ma poi ci sono le opinioni dei ragazzi: una 15enne ha affermato: ”Il cellulare lo uso sempre, anche se sono stata rimproverata e mi hanno sequestrato il telefono, ma è più forte di me, non posso trattenermi dal rispondere ad un messaggio”.
Secondo varie ricerche della London School of Economics nel 2015 si è calcolato che nelle scuole dove è vietato portare i telefoni a scuola, i ragazzi ottengono voti più alti del 6,4%. Purtroppo in Italia alcuni professori hanno deciso di adottare un approccio “drastico” alla legge, e sono finiti nei guai, come è successo a Forlì nel 2014 quando un insegnante ha sequestrato il cellulare ad un ragazzo che lo usava per guardare foto porno e il giorno dopo il docente si è visto arrivare la madre del ragazzo con un avvocato. E poi c’è un altro episodio avvenuto a gennaio di quest’anno, quando un 18enne di Treviso ha voluto denunciare la scuola per il sequestro del telefono.
Ci sono persone che reputano che usare il telefono in classe mentre i professori spiegano non sia giusto ed altri dicono che usare il telefono può essere utile anche per le attività scolastiche. Secondo me usare i telefoni in classe non sarebbe giusto usarli perché sarebbe poco rispettoso per gli insegnanti che si impegnano nel loro lavoro, però provare ad usare i telefoni o tablet in classe per scopo didattico potrebbe essere anche essere un’esperienza positiva da fare.
Nora Forni – Classe 1B

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someone