IIS Da Vinci di Maccarese

Docente responsabile Giacomo Puma

Studiare con la musica aiuta davvero a studiare meglio?

Milioni di ragazzi italiani italiani studiano insieme ad un amico speciale, la musica. Ma questo li porterà a prendere voti alti? Oppure sarà fonte di probabili insufficienze?

di Luca Coppola

Un recente studio svolto dal team di Spotify ha affermato che la maggior parte delle volte ascoltare della buona musica aiuta ad avere una resa scolastica migliore.

Ovviamente, studiare Matematica con musica heavy metal non è uno dei migliori consigli regalati dagli scienziati, ma una musica adatta per ogni materia stimola davvero l’apprendimento.

Infatti fare Matematica con musica classica da 60-70 battiti al minuto aiuta gli studenti a raggiungere circa il 12% dei voti in più nei test. Questo è dovuto al fatto che temi classici, come Per Elisa di Beethowen, aiutano gli studenti a concentrarsi ed ad immagazzinare più informazioni.

Per coloro che studiano invece materie in cui entra in gioco la logica quali Scienze, studi umanistici e lingue, la musica pop come Mirrors di Justin Timberlake e We can’t stop di Miley Cyrus da 50-80 battiti al minuto ha un effetto calmante verso la parte sinistra del nostro cervello, favorendo il pensiero logico e permettendo di imparare e ricordare meglio nuovi dati.

Infine, per chi studia Teatro, Inglese ed Arte, quindi impegna la parte destra delcervello per elaborare e sviluppare pensieri originali, una musica coinvolgente come pop e rock, per esempio Firework di Katy Perry o Satisfaction dei The Rolling Stones produce uno stato di eccitazione elevato che aumenta la creatività.

Purtroppo però non tutti riescono a studiare con le note in sottofondo e molte volte, distraendosi, perdono soltanto ore di studio. Infatti, i risultati della ricerca non sono lineari e variano di persona in persona, ma è possibile osservare che la musica strumentale aiuta molto a concentrarsi in ogni caso, poiché manca di una voce che possa distrarti da ciò che stai facendo.

Quindi qual è la risposta definitiva? Purtroppo dobbiamo dirvi che dipende. In generale, sembra che il cantato sia fonte di distrazione, mentre lo strumentale può effettivamente aiutare il vostro rendimento. In ogni caso, tentar non nuoce!

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someone

Dalla redazione: