Cars 3: il ritorno di Saetta Mcqueen

A distanza di ben sei anni dall’ultimo episodio, finalmente ci siamo: Saetta Mcqueen e i suoi compagni tornano sul grande schermo con “Cars 3”.
Quello delle auto parlanti è per Pixar un filone fondamentale sia per il gran numero di pellicole che ha prodotto – due lungometraggi principali, due spin-off e innumerevoli cortometraggi – sia per la vasta base di pubblico di cui dispone, pronta subito a spendere per andare a vederlo al cinema e per comprare merchandising dei suoi idoli a quattro ruote. Per questo motivo, dunque, dopo un secondo capitolo sottotono, “Cars 3” avverte forti responsabilità sulle proprie spalle e sembra aver deciso – già dai primi trailer – di voler tornare all’originale formula vincente: corse, brividi e forti emozioni. Saetta Mcqueen pare essere tornato il protagonista indiscusso del lungometraggio, permettendo a Cricchetto, la spalla comica amata dal pubblico, di tornare a un ruolo più marginale e adatto alla sua caratterizzazione dopo l’esperimento fallito di “Cars 2”.
Già dai primi trailer, innanzitutto, Pixar ha voluto dar prova della costante e sconvolgente evoluzione tecnica che ha sempre contraddistinto il marchio americano e che sembra quasi porre un contrasto fra lo sconcertante realismo delle immagini proposte e il design ovviamente semplice, dolce e fumettistico dei protagonisti della pellicola. Il forte distacco dal capitolo precedente si coglie, inoltre, anche a livello narrativo: dopo l’incidente di Saetta Mcqueen mostrato nel teaser, infatti, una semplice scritta bianca sottolinea come da questo momento tutto cambierà.
Il peso della direzione di una pellicola così gravosa e fondamentale non sarà stavolta sulle spalle del solito John Lasseter – regista dei due precedenti capitoli della saga e storico direttore e produttore Pixar – bensì su quelle di Brian Fee, già autore delle storyboard di “Cars” e “Cars 2” ma alla prima esperienza nella direzione di un intero lungometraggio.
Purtroppo, però, per assaporare nuovamente l’asfalto della Piston Cup dovremo aspettare il 14 settembre, data di uscita nelle sale italiane, nella speranza che “Cars 3” possa veramente essere ancora… “elegante come una berlina e scattante come un go-kart”.
Andrea Ceredani

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someone