ALTERNANZA SCUOLA LAVORO

 

L’alternanza scuola lavoro è un progetto realizzatosi due anni fa, obbligatoria per i ragazzi di età compresa tra i 15 e 18 anni, con lo scopo di far diventare la scuola il luogo più efficace per la crescita degli studenti ma anche per la loro formazione. L’alternanza scuola lavoro serve a dare ai ragazzi una prima esperienza del lavoro tramite diverse esperienze.

Ragazzi e adulti hanno molte idee riguardo questo progetto, per esempio, entrambe le generazioni pensano che essa sia molto importante se fatta bene e per essere fatta in tale modo i requisiti dovrebbero essere l’organizzazione e inoltre essa dovrebbe essere utile ed interessante per i ragazzi che la fanno. I ragazzi sono rimasti delusi dal fatto che questo progetto non sia stato organizzato nel migliore dei modi e altri sono rimasti delusi dal fatto che se pur l’idea di alcune alternanze è vista agli occhi di molti come positiva, poi questa alternanza per diversi motivi è stata insoddisfacente.

I ragazzi pensano che essa debba essere adiacente ai loro corsi di studio e ai loro interessi e quindi in molti pensano che le scuole potrebbero chiedere a loro cosa gli piacerebbe fare e quindi vorrebbero che la scuola si consultasse con loro. Un altro problema che non piace ai ragazzi è che l’alternanza scuola lavoro è fatta meglio in alcune scuole che altre in quanto alcuni progetti sono più interessanti di altri e per questo vorrebbero un equilibrio tra scuole private e pubbliche. Gli alunni non trovano inoltre corretto che questa alternanza, se fatta di pomeriggio, tolga ore allo studio e quindi vorrebbero che le scuole, durante le settimane nelle quali avviene questo progetto, non assegnassero compiti durante il corso di esse. Loro vedono l’alternanza come un modo per fare cose alternative e quindi staccarsi dallo studio per un breve periodo ma facendo comunque cose di didattica.

Gli adulti pensano che questo progetto sia un bene perché da ai propri figli un insegnamento e una prima idea di cosa significhi per davvero lavorare e stare in contatto con altre persone e pensano inoltre che esso sia un bene perché, se fatta bene facendo vivere ai ragazzi diverse esperienze lavorative, possa far capire ai propri figli l’enorme numero di mestieri che vi sono e quindi tramite queste esperienze i ragazzi possono iniziare a capire, secondo i propri interessi, il mestiere che gli piacerebbe fare da grandi. Si può infine dire che l’alternanza scuola lavoro, se fatta bene, sarà in grande aiuto per i giovani di oggi.

 

 

di Niccolò Taberini

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someone