Come vengono trattati dalla stampa i casi di violenza sulle donne

 

La violenza sulle donne, definita come “violenza di genere”, e’ la violenza perpretata contro le donne ed e’ ritenuta una violazione dei diritti umani. Soprattutto negli ultimi anni il tema di questa violenza e’ stato molto discusso ed affrontato sia dal punto di vista istituzionale che a livello di stampa o media in generale raccontando e trattando argomenti di cronaca molto frequenti e tragici perche’ speso sfociano nell’uccisione delle donne che subiscono questa violenza. Bisogna pero’ prima  distinguere la violenza di cui parliamo per capire e motivare di come viene trattata dai mezzi di comunicazione e dalla stampa, in particolare i diversi tipi di violenza sono: fisica, psicologica, sessuale, domestica fino ad arrivare ad una violenza di origine etnica che prevede mutilazioni fisiche ;ma quella di cui piu’ la stampa si occupa negli ultimi mesi e’ sicuramente la violenza di cui sentiamo all’interno delle famiglie (violenze sulle figlie),nelle coppie(mariti che uccidono le mogli),casi di cronaca di violenza sessuale da parte di uomini su donne che magari hanno avuto l’unica colpa di incappare nella persona sbagliata al momento sbagliato. La stampa se ne occupa a volte in modo corretto ed utile per parlare e sollevare il problema in modo che venga considerato anche dalle istituzioni perche’ possano fare dell’azione preventiva importante ,sia dal governo perche’ vengano discusse ed approvate  nuove leggi piu’ severe verso i soggetti che usano la violenza come stile di vita ,violando diritti, liberta’ e dignita’ delle  donne ,sia per sensibilizzare le persone a denunciare quando sono a conoscenza di situazioni del genere ed addirittura per diffondere l’esistenza di associazioni a cui si possono rivolgere le donne che vengono colpite dal problema “violenza”in modo efficace immediato e serio. Altre volte invece si tratta l’argomento in modo morboso, quasi fosse un fatto che deve destare curiosita’.

 

Niccolò Taberini

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someone