TUTTI A SCUOLA CON BRIO

Ciao a tutti, io sono Mariangela e oggi vi vorrei parlare del tempo prolungato, ben 36 ore a settimana. Di sicuro starete pensando che sia una brutta cosa restare a scuola tanto tempo, ma vi sbagliate: è la cosa più bella che ci sia nella mia scuola. Ora vi racconto.

Tutto ha inizio alle 7:50, quando entriamo per cominciare le lezioni: la prima ora è sempre la più pesante da affrontare, soprattutto perché le professoresse ultimamente stanno dimostrando un certo interesse per la LIM (la lavagna interattiva multimediale), che per essere vista ha bisogno della stanza buia che mi ricorda tanto la mia cameretta quando spengo la luce e vado a dormire.  Per fortuna il resto della giornata non è così pesante: tra scherzi, giochi e risate le ultime cinque ore passano in un batter d’occhio. Ma non è finita qui, perché ora ci aspetta la parte migliore della giornata: IL PRANZO. Ebbene sì, il pranzo, secondo me, è un momento fantastico per rilassarsi, mangiare, chiacchierare e soprattutto  BALLARE!

Esattamente,  dopo  aver consumato il pranzo per passare il tempo, accendiamo il computer, alziamo il volume al massimo, usciamo nel corridoio e balliamo; di solito si tratta di balli di gruppo o latino-americani. Vi lascio immaginare… purtroppo tutti i sogni sono destinati a svanire e al termine dell’ora chiudiamo tutto e rientriamo in classe, pronti a superare le ultime due ore di lezione, l’ottava e la nona, tornando “A DORMIRE”.

Mariangela Massaro 2a L

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someone