Un mare di Natale

Il Liceo delle Scienze Umane di Capaci, nell’ambito del Progetto “Greccio 1223- Capaci 2017”, promosso dalla GIFRA locale, ha presentato un prodotto presepiale, un banner che riproduce il presepe con richiami alle gocce e alle onde, e che è esposto nella piazza del paese di Capaci.

Un Mare di……….G
    O
       C
     C
         E

Gocce di   Lacrime
Gocce di   Sudore
Gocce di   Sangue
    Gocce di    Luce

Gocce come LACRIME di gioia per la nascita di una vita,
LACRIME di dolore  per la stessa vita che si perde….
in MARIA
sn le madri di tutti i tempi che piangono di gioia dinanzi alla bellezza della maternitá  ma che versano anche lacrime nel buio delle notti dei figli, in una lunga e muta attesa di traguardi talvolta raggiunti
altrove

Gocce come SUDORE per la fatica continua che la vita richiede…
in GIUSEPPE
il  carpentiere,
è l’uomo che va alla ricerca di un lavoro, che migra dalla propria terra pur di cercare di garantire alla propria famiglia certezza e solidità con il sudore della sua fronte spesso reso acido da immense e dure       difficoltà

Gocce come SANGUE che continua
ad essere versato in nome della
libertà e del rispetto
della  dignità dell’uomo…
nel bambino GESÙ
la prefigurazione della sua croce
che  porta con sé  la certezza
della redenzione, della  salvezza
proposta già nel suo
NATALE

Gocce come LUCE che illumina il percorso della vita
che indica,
come la stella cometa,
il luogo dove essere in pace
con se stessi e con gli altri

                Il nostro presepe
trova la sua grotta tra le onde del      mare…
Mare che  diventa
approdo di ogni ricerca
più che  naufragio di sogni,
strumento di mediazione
più che di scontro,
tempo di ascolto e di dialogo
più che di sorda ignoranza,
spazio di accoglienza
più che di  rifiuto,
luogo di integrazione
più che  di emarginazione.

Ero forestiero e mi avete accolto
(Mt 25,35)

Affrontiamo questo nostro viaggio, tra le onde della vita,
alzando le  mani per renderci presenti e per tenderle  a chi le Sue mani le alza per chiedere aiuto.

Sviluppiamo la cultura della
ospitalità verso l’Altro,
chiunque esso sia,   aprendoci alla ricchezza della diversità che già sperimentiamo
nella nostra quotidianità
cercando di  superare la  paura
che spesso ci attanaglia  davanti
al nuovo, all’inedito.
Lo straniero, l’altro da me   è il luogo    dove  si specchia l’Unicità   dell’ essere personale…

        AMIAMO noi stessi nell’ Altro
Tutti i giorni

Un Santo e Diverso NATALE a tutti!

Liceo delle Scienze Umane Mursia – Capaci