Lo stivale si macchia di sangue di donne troppo spesso

Ogni due giorni circa una donna perde la sua vita per mano di un uomo. È la triste realtà con la quale l’Italia e gli italiani, ormai da anni sempre di più fanno i conti. Diverse sono le domande e le risposte, spesso di poco spessore, che ci diamo leggendo un articolo di giornale dove si descrive un femminicidio, come quello più recente di Noemi, le più frequenti sono: -Perché?-,  -Come si fa ad odiare una persona con la quale spesso si condividono emozioni e sentimenti così apparentemente profondi?

Le risposte sono moltissime, ma le cause che spingono un uomo ad uccidere sono sempre state al centro di dibattiti di illustri criminologi, ma il punto è sappiamo che molti omicidi sono guidati dalla sete di potere, dai soldi, ma il muovente dei femminicidi viene nella maggior parte dei casi definito passionale ma cosa ci può essere di riconducibile alla passionalità nell’ uccidere una donna? Follia beh si può esser folli o malati e uccidere, ma nel femminicidio c’è qualcos’altro, la voglia di affermarsi sulla donna, in quanto spesso la si riconosce come essere essenziale all’ uomo e viceversa nel modo più malato e stupido possibile uccidendo. Nella nostra nazione a causa della crisi economica che è coincisa perfettamente con l’incremento dei femminicidi, hanno chiuso molti centri di accoglienza che davano voce alle donne soggiogate dagli uomini, uomini che spesso fino al giorno prima erano riusciti a fingere di amare. Si tratta di donne obbligate a vivere nel silenzio scandito solo dal rimbombo delle percosse sulla pelle livida, un silenzio al quale solo centri di questo tipo potevano dar voce. In conclusione non esistono spiegazioni logiche al femminicidio, in quanto chi uccide un essere indifeso e fisicamente più debole ne è privo, ma la soluzione sta nel proteggere queste donne e far in modo che non si sentano sole nel silenzio, ma far in modo che nei momenti di fragilità si sentano protette da qualcuno.

La triste realtà che stiamo attraversando si può cambiare solo sensibilizzando i più giovani al rispetto verso la donna, e riconoscendo concretamente le donne come esseri pari agli uomini. È questo che deve cambiare.

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someone