• Home
  • Blog
  • Articoli
  • Sensibilizzare i giovani alla sicurezza stradale attraverso il Progetto Icaro

Sensibilizzare i giovani alla sicurezza stradale attraverso il Progetto Icaro

Sensibilizzare ed educare i giovani alla sicurezza stradale, al rispetto delle norme di salvaguardia e del Codice della Strada. Questo il tema centrale dell’incontro che si è svolto il 10 gennaio alla presenza del Comandante della Polizia Stradale di Siracusa, il Vice questore aggiunto Antonio Capodicasa, e gli studenti delle III, IV e V classi del Liceo Scientifico “Prof. Michele La Rosa” di Canicattini Bagni, se-guite dalle loro docenti, le Prof.sse Nella Baldini e Rita Palermo. Il comandante Capodicasa ha parlato ai giovani mostrando la sua esperienza di poliziotto, sottolineando la grande responsabilità, professio-nalità e passione che mostrano ogni giorno, uomini e donne in divisa, spesso rischiando la propria vita, per garantire che vengano rispettate le regole del codice della strada. Durante questo incontro la platea studentesca è stata invitata a riflettere sui pericoli derivanti dalla pratica del cosiddetto “multitasking”, ovvero della distrazione provocata dallo svolgere attività mentre si è alla guida, attraverso video, stati-stiche e descrizioni di casi reali, sono state rilevate le conseguenze della disattenzione alla guida, causa principale degli incidenti automobilistici. L’intervento formativo è inserito all’interno del progetto Ica-ro 2018, nella promozione della cultura della legalità ed è in sinergia con l’obiettivo promosso dall’Unione europea, nel decennio 2011- 2020, di dimezzare le vittime da incidente stradale, in modo che non si contino più “le vittime della strada ma le vite salvate”.
Presenti all’incontro anche gli Assessori comunali, Loretta Barbagallo e Salvatore Zocco, che hanno portato il saluto del Sindaco Marilena Miceli, e rinnovato l’impegno del Comune a fare la propria par-te, per quanto di competenza, per garantire ai cittadini la sicurezza sulle strade.
Molto significativo è stato l’apporto iniziale dell’attrice della Compagnia Teatrale “Il Sipario” di Cani-cattini Bagni, Salvatrice Pantano che ha recitato un monologo su Palermo e in particolare sulla mafia combattuta da Falcone e Borsellino. Delle parole significative, di grande passione in cui è stato espres-so tutto il dissenso nei confronti di quelle persone, che non intervengono in aiuto di chi ha bisogno, senza rendersi neppure conto che, con il proprio silenzio, restando semplicemente e solamente a guar-dare, permettono che si compiano delle ingiustizie. Inoltre, contro l’atteggiamento di chi è convinto che non gli riguardi ciò che accade e non pensa che prima o poi, potrebbe essere egli stesso o una per-sona a lui vicina a trovarsi in quella spiacevole situazione. Ha ricordato il coraggio di chi come Falco-ne e Borsellino, ha saputo dire di no a certi compromessi. Un invito per i nostri ragazzi a riflettere, ad ascoltare e ad avere il coraggio di fare delle scelte: “Esistono due scelte da fare nella vita, o accetti le cose come stanno, oppure accetti la responsabilità di cambiarle”. Un monologo che ha emozionato tut-ti dai professori agli alunni per la sua grande forza espressiva.

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someone