Violenza sulle donne: di chi è la vera colpa

Di Chiara Zerbin
Ormai da qualche mese è scoppiato il caso del noto produttore cinematografico statunitense  Weinstein: molte attrici, infatti, hanno denunciato l’uomo di averle molestate appena sbarcate nel grande mondo di Hollywood. Anche molte attrici italiane però hanno raccontato la loro esperienza con Weinstein e non solo, infatti, molte, hanno iniziato a parlare di presunti strupri e molestie da parte di produttori italiani.
Ormai è bufera sul web, non solo per cercare di dare forza a queste  ragazze il cui sogno magari sarebbe  quello di lavorare nel cinema, ma anche perché sono in molti quelli che sostengono che nella maggior parte dei casi siano state proprio le stesse donne a vendersi, pur di ottenere il lavoro, o semplicemente a tentare e provocare questi uomini.
Ma perché la maggior parte delle donne perde di credibilità nel momento in cui racconta di aver subito violenza, di qualsiasi genere, da parte di un uomo?
Purtroppo la storia stessa ci insegna che c’è sempre stata una disparità tra uomo e donna, in quanto le femmine sono sempre state additate come esseri deboli, costrette, perciò,  a fare lavori domestici, mentre i maschi sono sempre stati gli essere forti, i capi di famiglia, quelli che dovevano assicurare uno stipendio alla loro donna e ai loro figli.
Proprio queste differenze, che possono sembrare banali, hanno creato nella mente delle persone degli stereotipi che ci portiamo dietro da tantissimi anni. Un esempio? Molti ragazzi trovano che piangere in pubblico sia poco virile, da ” femminuccia”. Questo, anche se in piccola parte, è un chiaro esempio di come le ragazze siano legate allo stereotipo delle persone deboli, che sono più brave rispetto ai maschi in tutto quello che riguarda le emozioni, questa non è proprio un’etichetta che viene naturale pensare?
Ci sono stati troppi episodi di violenza sulle donne ormai, se ne sente più meno tutti i giorni perciò è giusto che ognuno si metta a riflettere se è il caso di continuare a sottovalutare questo fenomeno.
Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someone