• Home
  • Blog
  • Articoli
  • Black Mirror diventa reale: dal 2020 la Cina darà un punteggio social ai suoi cittadini

Black Mirror diventa reale: dal 2020 la Cina darà un punteggio social ai suoi cittadini

Nel 2014 il consiglio di stato Cinese ha emesso un documento in cui tratta del “Social Credit System“, un sistema che consentirebbe una valutazione sull’affidabilità e sulla correttezza dei cittadini riguardanti le regole sociali. Sarebbe un po’ come avere degli occhi puntati costantemente addosso che giudicano il nostro operare. Paragonabile ad un noto programma televisivo trasmesso in Italia: il Grande Fratello.

Tale sistema riprendere quello di una nota fiction britannica che muove grandi critiche alle nuove tecnologie e il titolo si riferisce allo schermo nero di ogni televisore, monitor o smartphone: Black Mirror.
Lo scopo è quello di creare una società sincera, corretta e priva di criminalità. Ma sorge una domanda: qual è il limite che c’è tra una società perfetta e una controllata?
L’adesione al complesso è, per ora, su base volontaria e gestita dal governo, ma dal 2020 diventerà obbligatoria.
Nello specifico, come si svilupperà il sistema? Gli individui saranno misurati su una scala compresa tra 350 e 950 punti. L’algoritmo, comunica Alibaba, non sarà semplice e si baserà su cinque fattori ben stabiliti:

  • Credito: il cittadino è un buon pagatore o un cattivo pagatore? paga le tasse? lo fa in tempo?
  • Adempimento: la capacità di un utente di adempiere ai propri obblighi contrattuali e tenere fede a quelli che sono gli “obblighi formali”.
  • Informazioni personali: nome, cognome, età, indirizzo…come poter omettere queste informazioni basilari?
  • Comportamento: chi siamo è determinato da quello che facciamo, da come lo si fa. Se compri spesso libri potresti essere visto dal sistema come una persona di un certo livello culturale.

Se acquisti tutti i giorni prodotti pronti potrebbero pensare di te come una persona che non è attenta alla propria salute.
Relazioni interpersonali: quanti amici hai? come ti comporti con loro? che reputazione hai nella tua cerchia sociale? hai un fidanzato? oppure sei single? e che rapporto hai con le istituzioni?

Nonostante ciò, l’algoritmo della piattaforma resterà segreto. Come per ogni cosa, non tutti lo hanno preso in maniera positiva. Il governo, però, è pronto a punire le persone che non si adatteranno al sistema.

Quali sono gli incentivi che il governo potrà dare ai “bravi cittadini”? Buoni spesa, prestiti agevolati, sconti su viaggi e alloggi, e tanti altri premi consistenti.

Quali potrebbero essere, invece, le punizioni per chi si comporta male? Maggior prezzo dei beni di consumo, nessun accesso a promozioni, velocità di internet ridotta. E tante altre condizioni.

Uno scenario Black Mirroriano, dove la società diventa dipendente da un numero, da una valutazione, sembra veramente star diventando realtà.

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someone