Finalmente la A.S. Roma avrà il suo stadio

Dopo anni di attesa, la A.S. Roma ha ottenuto tutte le autorizzazioni per la costruzione dello stadio di proprietà.

Lo stadio, che sarà di portata mondiale, avrà una capienza di 52.500 spettatori, espandibile a 60.000.

E’ stato progettato per garantire agli appassionati un’esperienza unica nel giorno della partita.

Le sezioni dell’impianto e la vicinanza del campo alle tribune consentiranno di creare un’atmosfera intensa ed emozionante.

Lo stadio della Roma sarà una gloriosa miscela di passato, presente e futuro, come si evince dal design stesso e dai materali che saranno utilizzati.

L’architettura è un omaggio alla ricca storia di Roma, in grado di abbracciare al tempo stesso la moderna estetica italiana famosa nel mondo.

Non sarà solo un impianto sportivo, ma saranno così tante le infrastrutture che l’area di Tor di Valle subirà una vera e propria opera di rigenerazione urbana.

Una priorità sarà l’energia pulita prodotta da fonti rinnovabili ed una gestione dei rifiuti ecologica.

L’investimento privato sarà di circa 1,6 miliardi di euro e genererà un aumento del prodotto interno lordo (pil) di Roma.

L’impatto totale degli investimenti relativi al progetto provocherà la riduzione del tasso medio di disoccupazione nella zona di Roma e di tutto il Lazio.

Si prevede infatti l’impiego di circa 1.500 operai nella fase di costruzione e la creazione di ulteriori 4.000 posti di lavoro man mano che il progetto diventera’ operativo..

A pieno regime, saranno circa 20.000 le persone che lavoreranno nello stadio e nell’area business.

E in ultima analisi, l’aspetto sportivo sarà importantissimo. La squadra avrà finalmente la possibilità di competere ad alti livelli in tutte le competizioni.

Il Presidente della Roma, James Pallotta, sa che sarà fondamentale far giocare grandi campioni nello stadio e con gli introiti, la società avrà la possibilità di acquistarli.

Ai tifosi non resta che aspettare con trepidazione una prossima realtà…

Tommaso Ruiti classe seconda A

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someone