[Contest Giornalisti in erba] – 2017 Un anno di eventi

Dicono che le persone disordinate siano dei geni produttivi eppure, nonostante abbia la scrivania piena di scartoffie, ancora non so su cosa far vertere la newsletter del mese. Saranno i rumori fuori, le urla del collega o la brutta giornata a non rendermi attivo .. L’oroscopo si è sbagliato di nuovo!

Oggi è arrivato in redazione un nuovo libro da recensire “100 immagini che hanno fatto la storia”, lo sfoglio e mi convinco ancora di più che il tempo non va misurato in ore e minuti, ma in trasformazioni; quelle foto, quelle situazioni, quei momenti hanno davvero smosso coscienze e messo in moto veri cambiamenti politici e di costume: Henri Cartier-Bresson, Robert Capa, Eugene Smith, Malala… il subconscio mi porta subito a pensare: “Che dire su questo 2017 appena concluso?”.

Il mio collega Mario direbbe senza indugio Addio Russia 2018 ricordandomi una povera Italia che resta fuori dai Mondiali, ma il fatto che a me ha più importato è stato la scoperta dei 7 pianeti “gemelli” alla Terra che paradossalmente si trovano a distanza di 39 anni luce da noi.
E se ospitassero già la vita? Ironicamente penso agli immigrati e quella questione con l’ONU: pare che abbiano dubbi sugli ultimi dati divulgati: “a luglio salvataggi diminuiti del 50 per cento con crollo ad agosto”.

Perciò penso: “Se non sono arrivati qui in Italia e neanche nell’America di Trump .. Dove saranno?”
Ah già, Trump! Lo stesso che nel 2017 ha vietato l’ingresso agli immigrati provenienti da sette Paesi islamici e che adesso irragionevolmente ha spostato l’ambasciata USA a Gerusalemme. Mondo arabo e Asia che ne pensate? No, per favore non parliamo di supremazia e predominio territoriale, arriverebbe il simpatico Kim Jong Un (si legge #&%§) con l’arsenale nucleare. Se si dice che in Corea del Nord ci sia democrazia, figuriamoci in Italia.. il senso civico è già nell’aria e mi ricorda che il 4 marzo andrò a votare anch’io..

Divertissement a parte, Mario non smette di urlare ed io devo per forza uscire da questa stanza per prendere una boccata d’aria e pensare a cosa pubblicare. “Ma fuori c’è lo smog” – constato e ripenso all’inquinamento atmosferico, al buco dell’ozono e al riscaldamento globale. Rido solo pensando che la gente si disperi per un’Isola dei Famosi rimandata per l’uragano nell’Honduras e non per causa dello stesso.

Basta, credo che per la newsletter del mese farò un dossier dei grandi e piccoli eventi che hanno lasciato il segno nel 2017… (magari qualcosa non la si rifà nel 2018!!)

 

http://lascuolafanotizia.diregiovani.it/regolamento-giornalisti-in-erba/

Generazioni 2.0 

di Paolo Ferrara