Il Giorno della Memoria non finisce il 27 gennaio

Questo disegno rappresenta i campi di concentramento .
L’ho voluto fare in bianco e nero, senza persone, per rappresentare un’anima morta, l’infelicità, la tristezza di chi subisce violenze e soprusi… .
Il fumo che esce dai capannoni fa notare che tutti erano morti e che milioni di persone innocenti erano ridotte in ceneri, …in quel posto non c’era più nessuno.

Greta Angius, 5 B Loi

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someone