• Home
  • Blog
  • Articoli
  • Errori ortografici nelle tesi, seicento professori indignati

Errori ortografici nelle tesi, seicento professori indignati

“E’ chiaro ormai da molti anni che alla fine del percorso scolastico troppi ragazzi scrivono male in italiano, leggono poco e faticano ad esprimersi oralmente”: comincia così la lettera indirizzata da 600 Professori universitari al Governo e al Parlamento Italiano con la quale hanno denunciato le carenze degli studenti nella lingua italiana. Da tempo i docenti universitari denunciano le mancanze linguistiche dei loro studenti (grammatica, sintassi, lessico), con errori appena tollerabili in terza elementare. Tra i firmatari troviamo importanti Accademici, linguisti, Rettori, docenti di Storia e Letteratura, sociologi, filosofi, costituzionalisti. I docenti si lamentano soprattutto di correggere tesi di laurea piene di errori elementari, come utilizzo di apostrofi o accenti o addirittura della funzione della lettera “H”. Gli eruditi nel nostro Paese chiedono a gran voce di riformare l’istruzione della scuola elementare e media partendo dai fondamentali: dettato ortografico, riassunto, comprensione del testo, conoscenze del lessico, anche perchè il tema della correttezza ortografica e grammaticale è stata a lungo svalutata sul piano didattico più o meno da tutti i governi. Ci sono alcune importanti iniziative rivolte all’aggiornamento degli insegnanti, ma non si vede una volontà politica adeguata alla gravità del problema. A tale proposito si spera che il Governo attui al più presto un piano di riforma scolastica che rinnovi le basi della didattica. Tutto ciò è testimonianza di un regresso culturale portato avanti dalla nuova generazione che si interessa sempre meno della propria lingua e delle sue regole. Sottovalutare la propria madrelingua equivale a sottovalutare la propria identità.

 

Attilio Delcorpo

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someone