Cari lettori sono Leopoldo, un Uomo di 38 anni.
Oggi vi voglio parlare di un argomento che solo al pensiero mi fa rabbia e ribrezzo : il “ Femminicidio”.
Questa parola deve farci riflettere, perche’ ormai da tempo e tutt’oggi sentiamo parlare di Uomini che uccidono le Donne, in maniera cosi’ brutale, come per imporre la loro supremazia, ma non capiscono che sono solo dei perdenti nella vita, non hanno capito che non e’ certamente questo l’atteggiamento che deve avere un Uomo con le Donne, amiche ,compagne, mogli, sorelle o sconosciute che siano, bensi’ deve avere piu’ comprensione ed accettare la realta’,bella o brutta che sia. Dobbiamo riflettere perche’ questo fenomeno sta andando ad aumentare giorno per giorno, per questo e’ arrivata l’ora di fare qualcosa di veramente concreto per fermare questo fenomeno, iniziando, ad esempio,dall’educazione dei nostri figli, far capire loro, specialmente ai maschietti, che alle Donne non si alzano le mani, MAI, i rapporti con le Donne devono essere di comprensione e dialogo per trovare sempre una soluzione, senza la forza, e , se si deve, bisogna accettare anche le decisioni che potrebbero far star male. Ritengo, inoltre, che alle nostre figlie, dovremmo insegnare che quando un Uomo gli da anche solo uno schiaffo, quello e’ il momento di capire, di ragionare, arrivando anche ad abbandonarlo, perche’ quello schiaffo, e sempre piu’ spesso, “L’INIZIO DI UNA FINE.” Cosi’ solo potremmo iniziare a fermare questo fenomeno, perche’ nessuno puo’ prendersi la nostra vita e nessuno puo’ comandare nella nostra vita sino a tenerci ostaggi.
Spero che questo mio articolo vi faccia riflettere e vi dia la forza di reagire, perche’ e’ arrivata l’ora di cambiare rotta.

CONDORELLI LEOPOLDO (CR Noto)