SUPERIORI…ARRIVIAMO!!!

In terza media,  ogni alunno deve affrontare la scelta del liceo. A questo proposito, sia i professori sia la scuola aiutano i ragazzi a prendere la giusta decisione sull’ istituto superiore da frequentare negli anni successivi. Noi alunni della terza A abbiamo avuto un ulteriore aiuto dal nonno di un nostro compagno, il professor Salamone, ex preside ed ex giornalista de “Il Corriere della Sera”. Egli ha sempre preferito l’attività di professore a quella di preside, perché amava il continuo contatto con i ragazzi. Il professore, durante un incontro che abbiamo organizzato nella nostra classe,   ci ha dato qualche consiglio per affrontare al meglio questa importante decisione e ha indirizzato molti di noi verso il liceo classico che, a suo parere, è quello che ci aprirà in futuro maggiori possibilità. Il professor Salamone ci ha dimostrato che anche il latino, pur essendo una lingua morta, può essere divertente ed interessante ed, a questo proposito, ci ha coinvolti in un gioco sull’origine di alcune parole, tra cui i nostri nomi. Nicola Gardini, insegnante e latinista, ha scritto un libro intitolato “Viva il latino, storia e bellezza di una lingua inutile”: titolo ovviamente provocatorio e, proprio a  questo riguardo, il professore ci ha illustrato in breve le tappe più importanti  della storia del latino. Quest’ultimo è stato utilizzato fino all’avvento del volgare, nel 1300, quando Dante ha scritto “La Divina Commedia”: abbiamo capito che il latino, come il greco, è importante ma il liceo classico, pur essendo molto formativo per i giovani,  non è l’unica scelta. Ci sono anche  altri tipi di scuole superiori che rispettano le esigenze di tutti gli studenti. Per compiere tale scelta dunque,  dobbiamo comprendere quali sono i nostri punti di forza, di debolezza, ciò che ci interessa di più e di meno. Il liceo quindi dovrebbe essere scelto in base alle capacità ed agli interessi dei singoli studenti. Un errore che non si dovrebbe mai compiere è quello di seguire gli amici ed iscriversi quindi in scuole che non sono adatte ai singoli studenti.  Le amicizie che si sono strette alle medie potranno continuare, nonostante i diversi indirizzi scelti per gli anni successivi. La nostra scuola “Sinopoli Ferrini”, riguardo questa importante scelta,  ci ha aiutato molto, infatti ci ha dato la possibilità di svolgere dei test di orientamento, preparati da psicologi molto qualificati. Questi test aiutano gli studenti a capire quale scuola sia più idonea a loro; inoltre mostrano a quale ambito lavorativo potrebbero aspirare gli alunni in futuro, in base alle loro attitudini ed alle loro competenze. Oltre ai test, la scuola ci ha offerto la possibilità di incontrare professori di alcuni licei di Roma, che ci hanno illustrato le caratteristiche principali dei vari indirizzi e che ci hanno parlato delle  materie in modo approfondito e dettagliato. Riteniamo in conclusione che un ruolo fondamentale nella decisione del liceo sia stato svolto dai nostri professori che, con i loro preziosi consigli,  molto utili e mirati, ci sono stati  d’aiuto perché, conoscendoci da vicino, hanno ben presenti i nostri pregi e difetti: speriamo quindi di aver fatto la scelta giusta!

Camilla Giordani,   Camilla  Cecconi,   Giulia Fornelli  e Matteo Pierdonati

Classe terza A