Beh, c’e’ poco da dire sull’ambiente, perlomeno abbiamo poco da dire noi “piu’ grandi”, che ci siamo un po’ distratti,e dovete essere voi giovani a combattere sul nostro e vostro ambiente, spingendoci a migliorarci, a cambiare i nostri comportamenti, e, quindi insieme, probabilmente, riusciremo a cambiare in meglio la tragica situazione che ci troviamo in qualita’ di vita e di ambiente in cui viviamo. Noi, nel Casertano, purtroppo, ne sappiamo qualcosa di inquinamento ambientale, abbiamo pagato con vite umane e con una qualita’ di vita al di sotto di qualsiasi standard possibile.
Da noi, le discariche sono stracolme di cose proibite e tutte altamente inquinanti, tanto da aver , ormai, distrutto buona parte dell’agricoltura e degli allevamenti, producendo, quindi, anche perdita di posti di lavoro.
A questo proposito voglio raccontarvi una cosa capitatami nel passato.
Nel 1987, facevo l’apprendista camionista, cioe’ affiancavo un autista esperto per capire meglio il lavoro che volevo intraprendere.
In un viaggio, siamo stati a Lecce, dove caricammo le scorie elettriche di una nota azienda del settore energetico nazionale, e li portammo a Pianura, un quartiere in periferia di Napoli, per scaricarli in una discarica normale, di certo non aveva strutture per trattare e smaltire rifiuti speciali e pericolosi.
Mi domandai allora, ma a Lecce di discariche come questa non ce ne sono gia, perche’ portare sta roba a Napoli? Certo il settore dei rifiuti e’ un settore in cui girano una quantita’ impressionante di soldi, quindi non si andava tanto per il sottile.
Occorrono piu’ sforzi e piu’ impegno, cercare alternative al petrolio, ed al disboscamento scellerato che sta facendo scomparire boschi di milioni di ettari. Bisogna far presto e farlo con il criterio corretto, che e’ TUTELA DELL’AMBIENTE E DELLE PERSONE, prima di tutto.
Una cosa, pero’ so e posso dire, a me stesso, ma soprattutto a voi giovani.
Ponete domande, non fidatevi senza avere risposte concrete e dimostrabili.
A Voi e’ dato di risolvere il problema, alla vostra curiosita’ e voglia di sapere.
Ricordate, il PIANETA TERRA E’ UNO SOLO, ED E’ VOSTRO, e sara’, per il futuro, come voi lo lascerete, non fate l’errore delle generazioni precedenti, che per apatia o per non curanza, si sono lasciati plagiare.

Raitano Angiolino (CR NOTO)