• Home
  • Blog
  • Articoli
  • Reperti storici della Seconda Guerra Mondiale sono oggi case per i senzatetto

Reperti storici della Seconda Guerra Mondiale sono oggi case per i senzatetto

Sulla spiaggia di Catania sorge un bunker, manufatto storico costruito nei primi anni ’40 e sopravvissuto allo sbarco degli Alleati americani del 1943.
Settantasei anni dopo, è come se questo “pezzo” di storia non fosse mai esistito. Oggi la fortificazione militare difensiva è diventata dimora dei senzatetto e “sfogo” dei graffitari. Il bunker è situato all’interno di uno stabilimento balneare, anch’esso ormai abbandonato. Nessuno tutela questi posti e, ancor peggio, i catanesi stessi non conoscono e difendono ciò che ha segnato la loro stessa storia. Lo scopo è quello di denunciare e sensibilizzare i cittadini, soprattutto i giovani affinché luoghi come questi possano essere salvati.

In altre parti del mondo hanno saputo sfruttare queste testimonianze come musei a cielo aperto, come avviene in Normandia.

“La maggior parte dei bunker- dichiara  Luigi Falletti, promotore del progetto ‘Un itinerario turistico per tutelare la memoria’- vengono distrutti e utilizzati privatamente, in quanto non si ha nessuna legge che li tuteli. Gli enti che avrebbero dovuto proteggere e salvaguardare questi manufatti, si sono disinteressati negli anni, abbandonandoli. Gli unici interessi che vengono fuori sono quelli dei privati”.
La legge non tutela la storia, la memoria può farlo.

Alessia Marletta, IV D L